Contenuto Pubblicitario

Feste in arrivo? E’ tempo di brindisi con le nuove bollicine di montagna Grosjean Vins

Scegli il meglio degli spumanti valdostani per celebrare la magia delle Feste
Hervé Grosjean
Pubbliredazionali

Prodotte con impegno, passione e competenza da questa storica cantina che da oltre 50 anni è protagonista sul territorio e ambasciatrice della Valle d’Aosta in Italia e nel resto del mondo, le bollicine sono uno dei simboli delle Feste.

“Forse non tutti sanno che la Valle d’Aosta è particolarmente vocata per la produzione di spumanti metodo classico”, commenta Hervé Grosjean, enologo e contitolare della cantina. “L’uva che viene utilizzata maggiormente è il Pinot Nero, abbinata allo Chardonnay: si tratta di vitigni che sulla nostra collina sono ben esposti su terreni che conferiscono al vino la freschezza, l’eleganza e la mineralità che caratterizzano le bollicine di montagna”.

Clicca qui per assaggiare e acquistare Grosjean Vins

Il Mas du Jario, un vino spumante Blanc de Noir Extra Brut, è la new entry tra le bottiglie speciali proposte dall’azienda per le Feste. Si tratta di uno spumante metodo classico che affina sui lieviti per 36 mesi in cantina, prodotto da uve di Pinot Noir coltivate nella vigna di Tzeriat – a cui deve il nome – a ben 800 metri. Intenso e floreale, in bocca è minerale e di lunga persistenza ed è ottimo sia come aperitivo sia per accompagnare i dolci a fine pasto.

Altra espressione territoriale delle bollicine è il MontMary, uno spumante Extra Brut metodo classico rosé che deve il suo nome alla “montagna di casa”, quel Mont Mary che, con i suoi 2815 metri sopra Quart, protegge nel suo abbraccio i vigneti e irriga con la sua sorgente le viti. Assemblato con uve 60% Pinot Noir e 40% Chardonnay, è rosato e brillante, fruttato e floreale, in bocca ha buona freschezza, sapidità ed è perfetto per un brindisi all’aperitivo.

Capitolo a parte per la Cuvée89, un vino spumante metodo ancestrale con presenza di fondo naturale che è prodotto con l’uvaggio di bianchi valdostani cui, dopo tre mesi di riposo sui lieviti, nel mese di dicembre viene aggiunta una parte di mosto precedentemente congelato nel periodo vendemmiale, prima di chiudere col caratteristico tappo a corona.

Un’altra novità di casa Grosjean è il Forcé 1968, un vino spumante prodotto con metodologia Charmat che nasce dall’uvaggio di vitigni bianchi valdostani. Dopo tre/quattro mesi di riposo sui lieviti viene spumantizzato in autoclave: ne deriva una bollicina Extra Dry dal residuo zuccherino più importante. Il suo nome è un omaggio ai “forcé” del 1700, vini frizzanti fermentati in piccole botticelle di legno.

“Le bollicine della Valle d’Aosta sono una realtà in crescita continua e costante perché il segreto sta proprio nel territorio e nel clima della nostra regione”, conclude Hervé Grosjean. “E’ dal 1968 che la nostra cantina produce con cura, esperienza e conoscenza grandi vini di montagna. Queste nuove etichette lavorate secondo le regole del metodo classico, cioè della rifermentazione in bottiglia, sono espressione dell’identità del territorio e testimoni della qualità della vitivinicoltura valdostana in Italia e nel mondo”.

Clicca qui per assaggiare e acquistare Grosjean Vins

www.grosjeanvins.it

info@grosjeanvins.it

+39.0165.775791

Distributore esclusivo per la Valle d’Aosta Lo Crotten (www.locrotten.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Pubbliredazionali
Pubbliredazionali

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte