Pubbliredazionali

Ultima modifica: 7 Agosto 2019 11:04

L’Ebo Lebo gran riserva conquista Londra: suo il Gold Outstanding all’IWSC

Quart - Lo storico amaro di Ottoz – con l’aggiunta di génépy e zafferano – si aggiudica il più importante riconoscimento all’International Wine and Spirits Competition di Londra.

Elo Lebo Gran RiservaElo Lebo Gran Riserva

L’Ebo Lebo gran riserva non piace solo a valdostani ed italiani, ma conquista anche importanti riconoscimenti a livello internazionale. Lo storico amaro di Ottoz si è infatti aggiudicato il GOLD OUTSTANDING all’International Wine and Spirits Competition di Londra, prestigioso club creato nel 1969 per premiare l’eccellenza nella produzione del vino e distillati e che, ogni anno, raccoglie migliaia di adesioni da tutto il mondo.

La versione “gran riserva” dell’Ebo Lebo non è solamente prodotta in Valle d’Aosta dalle Distillerie Saint-Roch, ma è interamente fatta con prodotti del terroir: un sapiente e segreto dosaggio di infusi di erbe, a cui sono stati aggiunti il génépy e lo zafferano coltivati dall’Azienda Agricola Rosset, che rendono il liquore inconfondibile.

Un prodotto che deve il suo caratteristico gusto all’Achillea Millefolium – appunto Ebo Lebo nel dialetto di Gressoney – che deve il suo nome all’eroe Achille, che l’avrebbe utilizzata per guarire le ferite riportate in battaglia, e la cui leggenda prosegue anche con i Salassi, ai quali infondeva coraggio e forza per affrontare i Romani.

Se “con Ebo Lebo digerisci anche la suocera”, ora sarà possibile digerire anche tutte le mothers-in-law del mondo.

Per informazioni:
Distillerie Saint-Roch
Località Torrent de Maillod 4, Quart (AO)
Telefono: 0165 774111
Email: saintroch@saintroch.it
Visita il sito internet
Segui la pagina Facebook

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>