Pubbliredazionali

Ultima modifica: 24 Dicembre 2018 9:37

L’importanza della formazione nel trading online

Aosta - Trading online: quale è il segreto? Come si arriva a mettere le mani su grandi cifre?

Tranding onlineTranding online

Il trading online? Non è più uno scherzo, ormai centinaia di migliaia di italiani lo praticano, con più o meno successo, ma sia coloro che si trovano già nel settore sia quelli che stanno cercando di entrarci si chiedono la stessa cosa: quale è il segreto? Come si arriva a mettere le mani su grandi cifre?

Ovviamente è impossibile dare una risposta concreta a queste domande visto che solo con la formazione e l’esperienza si può pensare di ottenere risultati apprezzabili. Forse quel santo graal del trading online, quel segreto o quella strategia definitiva che una volta trovata rende milionari, alla fine nemmeno esiste. Tuttavia, gli esperti del settore concordano nell’affermare che alcuni fattori critici di successo esistono.

Qual è il principale?

C’è un fattore che riesce a fare certamente la differenza nel campo del trading online ed è l’esperienza. Ore ed ore passate ad analizzare grafici con gli strumenti dell’analisi tecnica, giorni e giorni passati a spulciare le news in cerca di quella notizia che permetta di prevedere e anticipare un importante movimento di mercato: questi sono tutti sforzi che prima o poi ripagano.

Ma andiamo più a fondo su questa tematica per indirizzare specialmente chi è alle prime armi sulla strada giusta. Va detto, a onor di cronaca, che oggi sul web c’è molta più informazione di qualità di quanto non ci fosse fino a qualche anno fa. Siti come osservatoriofinanza.it permettono di scoprire il significato di trading online e tutto quello che ruota a questo mondo. Si tratta di informazioni preziose specialmente per chi si approccia, per la prima volta, a questo particolare mondo.

Tra formazione e strategia: la strada da seguire

Si calcola che solo un 7-8% dei traders sia in grado di realizzare una quantità di profitti equiparabile a quelli realizzati da tutto il resto della banda messa insieme. Ma cosa avranno questi individui di così speciale? Come abbiamo anticipato molto spesso quello che fa la differenza è un lungo periodo di formazione.

Bisogna dotarsi di grosse basi teoriche sul trading e poi passare subito all’azione applicando ciò che si è imparato a livello teorico direttamente sul campo. Agire sul campo significa imparare a conoscere i mercati finanziari, un settore dove non basta la fortuna per avere successo.

Partire dal presupposto giusto significa anche procedere a un cambio di mentalità molto forte. La gente in genere pensa che i grandi magnati dell’economia siano arrivati ad alti livelli solo per una questione di fortuna o peggio, perché sono stati raccomandati e non si trovano dove sono per una questione di merito.

Pochi conoscono le storie di duro lavoro e abnegazione che alla fine hanno condotto quegli uomini al successo. Il primo passo dunque è quello di cambiare la propria mentalità cambiandola in una mentalità volta al lavoro e al sacrificio, come chiavi per la porta del successo nell’attività di investimento sui mercati finanziari.

Trading e gestione del rischio

Chi inizia ad operare in ambito trading lo fa mettendo in campo i propri risparmi e questo accade nella maggior parte dei casi. I risparmi, quella specie di salvadanaio che a volte è costato una vita mettere da parte non vanno però messi a rischio inutilmente, al contrario bisogna trovare il modo di farli fruttare e proteggerli il più possibile.

Per questo è fondamentale praticare strategie di riduzione del rischio e money management efficienti al fine di massimizzare i profitti e limitare le perdite in tutte le operazioni che si intraprendono. Il consiglio è quello di mantenere sempre il profilo basso. Gli esperti consigliano di mettere a rischio al massimo un 4-5% del proprio capitale di investimento volta per volta. Questa strategia permette di evitare e ridurre le perdite che di quando in quando si verificano nel trading, è inevitabile. Bisogna però avere sempre la forza e il coraggio di chiudere le operazioni fallimentari quando toccano la soglia del 5%, molti traders non ci riescono perché pensano che il mercato prima o poi tornerà il loro favore, ma questo puntualmente non accade.

Nell’attività di trading è il calcolo del rischio a fare la differenza tra un trader povero e uno ricco.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>