Diabete: la Valle d’Aosta è tra le regioni con il tasso più basso di ricoveri e amputazioni

A decorrere dall’aprile dell’anno passato è aumentato del 60% il numero di visite endocrinologiche svolte sul territorio.
Diabete
Sanità

Sono circa 6 mila i valdostani a oggi affetti da diabete, sia esso nella più rara forma di malattia autoimmune acuta del tipo 1 oppure nella più diffusa forma di malattia cronica e degenerativa del tipo 2. Pur in linea con la media nazionale, tale dato contrasta con una percentuale di complicanze a breve e lungo termine di molto inferiore alle statistiche del resto dell’Italia.

I fattori presi in considerazione sono principalmente due, le amputazioni degli arti inferiori e la quantità di ospedalizzazioni. Mentre nel primo caso la regione registra lo 0,03‰ di interventi, circa la metà della quota nazionale fissata allo 0,06‰, i ricoveri all’interno delle strutture locali risultano fermi a uno 0,05‰ contro una media italiana dello 0,26‰.

“Tali dati mostrano che il nostro lavoro dà risultati importanti grazie anche a una buona collaborazione con i medici di famiglia e alla rete costruita con gli altri specialisti coinvolti nel trattamento della patologia – sottolinea il direttore del Dipartimento delle discipline mediche e della Struttura complessa di medicina interna dell’ospedale Umberto Parini di Aosta, il dottor Giulio Doveri. -. La cura del diabete, che impatta anche sulla riduzione del rischio cardiovascolare, comprende prestazioni ad alta tecnologia e medicinali ad alta innovazione”.

In un clima di impegno medico totale, i professionisti dell’Azienda Usl della regione tentano di offrire un servizio quanto più possibile completo e capillare in ambito diabetologico. Patologia in crescita nonché prima causa non traumatica di amputazioni, il diabete è attualmente tenuto sotto stretto controllo dai medici locali, che a decorrere dall’aprile dell’anno passato hanno aumentato del 60% il numero di visite endocrinologiche svolte sul territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte