Scuole: arrivano le prime quarantene e sorveglianze sanitarie

Dieci classi di scuola primaria in sorveglianza sanitaria e due classi di scuola media in auto-sorveglianza per un caso di positività in classe. Due sezioni di scuola dell’infanzia, 3 classi di scuola primaria e una classe di scuola media in Ddi perché segnalati due casi di positività nella classe.
scuola Dad
Scuola

Sono bastati pochissimi giorni di scuola in presenza per far finire già in quarantena le prime classi.
Il provvedimento interessa a ieri due sezioni di scuola dell’infanzia, 3 classi di scuola primaria e una di scuola media, che sta svolgendo la Didattica digitale integrata in quanto sono stati segnalati due casi di positività nella classe.

In sorveglianza sanitaria dieci classi di scuola primaria e due classi di scuola media in auto-sorveglianza per la segnalazione di un caso di positività in classe.

Nei giorni scorsi la Sovrintendenza agli studi ha avviato una rilevazione sul personale assente. I dati comunicati oggi raccontano del 2,9% di docenti sospesi in relazione all’obbligo vaccinale Covid-19, del 6,2% assente per quarantena o isolamento Covid-19 e del 6,7% assente per altri istituti (aspettativa, malattia, per esempio).
Quanto al personale amministrativo, tecnico e ausiliario (Ata): 0,9 per cento è sospeso; 4,5 per cento è assente per quarantena o isolamento; 2,9% è assente per altri istituti.
Il 5,8% degli studenti risulta invece in Didattica a distanza (Dad) o in Didattica digitale integrata (Did).

“Lo sforzo per mantenere le scuole aperte è corale e deriva dalla consapevolezza che passare tutti in Dad sarebbe una scelta in questa fase contraria ad una politica che in Valle d’Aosta è stata perseguita con convinzione a beneficio degli studenti”, spiega l’Assessore Luciano Caveri.

“Conosco le difficoltà e lo sforzo dei diversi soggetti nelle scuole – prosegue l’Assessore Caveri – e l’incontro di oggi con i dirigenti scolastici, così come la presa d’atto dei dati già avvenuto in queste ore, serve per monitorare gli eventi. Il mondo della scuola segue le scelte sanitarie e questa pandemia ancora incombente comporta un evidente stress e preoccupazione per tutti. Ma bisogna avere bene in testa che la scuola, pur con qualche rischio, resta un servizio pubblico essenziale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati