Aostasera sbarca a Glocal, il festival del giornalismo digitale

Sabato 12  novembre, in un panel dedicato alla vita nei piccoli borghi, interverrà tra gli altri Nathalie Grange, giornalista di Aostasera e presidente della cooperativa editoriale.
glocal
Società

Da 11 anni, nel mese di novembre, Varese diventa la capitale del giornalismo digitale, grazie a Glocal, il festival diventato vero e proprio punto di riferimento per chi fa informazione sul web. Questo 2022 non fa eccezione: la testata Varesenews in collaborazione con l’Ordine dei Giornalisti della Lombardia, il Consiglio Regionale della Lombardia, ANSO – Associazione Nazionale Stampa Online – e la Camera di Commercio di Varese, ha organizzato dal 10 al 12 novembre una tre giorni di incontri, approfondimenti, riflessioni e spettacoli per guardare a un mondo del giornalismo che è in continua e costante evoluzione.

Saranno oltre 30 gli incontri in programma con oltre 110 relatori provenienti da tutta Italia tra cui spiccano autorevoli firme come Luca Sofri, Mario Calabresi, Peter Gomez, Francesca Milano, Nunzia Vallini, Paola Peduzzi, Martina Pennisi che hanno raccontato, testimoniato, innovato il giornalismo.

Diversi i temi al centro di questa undicesima edizione: da approfondimenti su come viene raccontata l’innovazione e su come affrontare la sfida di una nuova ecologia dell’informazione nel rispetto della deontologia e dei lettori, a dibattiti su questioni spinose che riguardano come “limitare” i lettori quando usano in maniera spregiudicata i social delle testate giornalistiche.

Tra i diversi relatori invitati ci sarà anche la nostra testata Aostasera che, attraverso chi scrive, parteciperà al panel in programma sabato 12 novembre dal titolo “Giornalismo locale e comunità, da paesi invisibili a esperienze da raccontarein cui presenterà l’esperienza di Aostasera nell’ambito del progetto di quality journalism promosso da Anso e Google e dedicato al tema dei piccoli borghi. Un progetto che ha visto i giornalisti, i fotografi e i videomaker di Aostasera impegnati nella realizzazione di due reportage: uno dedicato a Saint-Rhémy-en-Bosses e l’altro, ancora inedito, a Bard.

Insieme a Nathalie Grange parteciperanno all’incontro Giacomo Di Girolamo, Direttore di Tp24, Anna Rizzo, antropologa e autrice del libro “I paesi invisibili. Manifesto sentimentale e politico per salvare i borghi d’Italia” (Il saggiatore editore) e Roberto Morandi, giornalista di Varesenews.

“Lo scoppio della pandemia e una forte crisi economica hanno mostrato i limiti del nostro modello di sviluppo e non solo di quello. Per questo, dopo aver affrontato il tema del tempo lo scorso anno, per l’undicesima edizione del festival, abbiamo scelto il tema dei limiti. Pensare al cambiamento, a nuovi progetti, a nuove imprese partendo dai limiti è ben diverso dal farlo in un contesto di crescita. Tutto questo impatta con il giornalismo, sia per il racconto che viene costruito quotidianamente, sia per la vita delle comunità di riferimento. A Glocal quindi affronteremo molti temi legati ai limiti” è il commento di Marco Giovannelli, ideatore di Glocal e direttore di Varesenews.

Una risposta

  1. La dottoressa Bonaldo, magistrato capace e competente, meriterebbe di essere ricordata anche per altro che non sempre e solo per il delitto di Cogne. Che la terra le sia lieve

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte