Bon Chauffage, al via le richieste. Contributo legato quest’anno all’Isee

Sarà possibile presentare domanda fino al 15 novembre presso il comune di residenza o sul sito della Regione.
Società

Da oggi, lunedì 1° agosto e fino al 15 novembre, è possibile presentare domanda, presso il comune di residenza o sul sito della Regione, per il Bon de Chauffage 2016, il contributo che viene erogato, a titolo di sostegno economico per le spese di riscaldamento, ai nuclei familiari residenti nel territorio regionale.

Da quest’anno il contributo è legato all’indicatore della situazione economica equivalente (Isee), che potrà essere richiesto presso i CAAF.

Tre le fasce: A – con ISEE fino a euro 6.000, B – con ISEE compreso tra euro 6.000 ed euro 12.000 e C – con ISEE compreso tra euro 12.000 ed euro 17.000. I corrispondenti contributi saranno determinati solo a conclusione delle fasi di presentazione delle domande e comunque per un importo non superiore ai 400 euro. 

Per poter fruire del servizio web del Bon de Chauffage 2016 è necessario che il rappresentante del nucleo familiare abbia beneficiato del contributo nell’anno 2015 e che lo stesso proceda alla registrazione dei propri dati e alla compilazione della dichiarazione sull’importo Isee 2016. La registrazione è necessaria solo per chi non dispone più delle credenziali 2015.

Una volta compilata la dichiarazione sull’importo Isee 2016, il sistema proporrà la possibilità di stampare una ricevuta dell’operazione effettuata. Per avere assistenza relativamente al servizio web è possibile chiamare il Numero Verde 800-610061 oppure scrivere una e-mail a infoservizi@regione.vda.it, ossia rivolgersi all’Urpdell’Amministrazione regionale dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 12,30. E’ inoltre possibile ricevere informazioni chiamando la Struttura risparmio energetico e sviluppo fonti rinnovabili, dell’Assessorato Attività produttive, Energia e Politiche del lavoro, ai numeri 0165-274506/274755/274572.

Chi non ha mai beneficiato del contributo ha tempo fino al 15 novembre per fare domanda presso il Comune di residenza indicando il valore Isee 2016 (standard o ordinario) comunicato dal CAAF o dall’Inps. Chi non ha beneficiato del contributo nel 2015 ma negli anni precedenti deve integrare invece la domanda, presso il Comune di residenza, indicando il valore Isee 2016.

Le famiglie anagrafiche che non hanno mai fruito del contributo, residenti nel Comune di Aosta, dovranno presentare la domanda in bollo dal 1° agosto 2016 al 15 novembre 2016, rivolgendosi allo sportello “AmicoinComune”.

Lo sportello effettuerà un’apertura esclusiva pomeridiana per la gestione delle pratiche “Bon de Chauffage”: lunedì, martedì, mercoledì e venerdì dalle ore 15 alle 18. E’ prevista, per l’accesso allo sportello, la distribuzione di numeri e l’ultimo sarà consegnato alle ore 17.30. 
Al momento della presentazione della domanda, l’intestatario della scheda anagrafica dovrà fornire le informazioni sul codice IBAN per l’accreditamento del contributo (in assenza del quale l’erogazione verrà effettuata mediante l’emissione di un assegno bancario), l’importo esatto dell’indicatore della situazione economica (ISEE), essere munito di documento d’identità e della marca da bollo da 16 Euro.
E’ tuttavia prevista la presentazione della domanda in bollo nei casi di variazione dell’intestatario della scheda anagrafica, fatta eccezione per i casi conseguenti al decesso del medesimo.
Il servizio web attivo per il “Bon de Chauffage” non potrà essere utilizzato dagli intestatari di scheda anagrafica che si trovano in queste situazioni:
– rispetto al 2015 è cambiato l’intestatario scheda (occorre presentare una nuova domanda) o la composizione familiare;
– rispetto all’anno precedente è variata la residenza o l’indirizzo anagrafico;
– nella stessa abitazione vi è la compresenza di più famiglie (occorre rendere una dichiarazione al riguardo);
Per questi casi, sarà necessario rivolgersi allo sportello, nel periodo e negli orari indicati per l’apertura legata al “Bon de Chauffage”. 
 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società