Società di Luca Ventrice |

Ultima modifica: 20 Settembre 2018 14:26

Brissogne e Pollein, primi comuni valdostani ad entrare nell’Anagrafe nazionale popolazione residente

Aosta - L'Anpr è un sistema integrato che consente ai Comuni di svolgere i servizi anagrafici e di consultare o estrarre dati, monitorare le attività ed effettuare statistiche.

Il municipio di Brissogne

I Comuni di Brissogne e Pollein sono i primi della Valle d’Aosta ad entrare a far parte dell’Anagrafe nazionale popolazione residente, uno dei passi del progetto dell’AgID che guida la trasformazione digitale della Pubblica Amministrazione ed i processi attraverso i quali si relaziona con i cittadini.

Anpr è un sistema integrato che consente ai Comuni di svolgere i servizi anagrafici e di consultare o estrarre dati, monitorare le attività, effettuare statistiche, punto di riferimento unico per l'intera Pubblica amministrazione e per i gestori di pubblici servizi.

Il subentro sulla piattaforma dei due Comune valdostani è stato possibile grazie al lavoro di verifica e di bonifica dei dati anagrafici dei cittadini da parte di Sonya Démé e Cinzia Marcoz, e Lorella Bianquin ed Emanuela Grimod – rispettivamente ufficiali d’anagrafe del Comune di Brissogne e di Pollein – con la consulenza e il supporto dei tecnici Anpr.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo