Società di Silvia Savoye |

Ultima modifica: 2 Luglio 2021 15:15

Cime Bianche, una passeggiata per salvaguardare “l’ultimo vallone selvaggio”

Aosta - Appuntamento rivolto a tutti i cittadini che hanno a "cuore il vallone" per domenica 18 luglio con partenza da Saint-Jacques alle ore 8.30.

Da sx Paolo Meneghini Jeanne Cheillon Marco Soggetto e Annamaria GremmoDa sx Paolo Meneghini Jeanne Cheillon Marco Soggetto e Annamaria Gremmo

Se in Piazza Deffeyes anche su Cime Bianche si sta consumando la crisi politica dell’attuale maggioranza, fuori dai palazzi le associazioni ambientaliste trovano nuovi alleati per continuare la battaglia per la salvaguardia dell'”ultimo vallone selvaggio”, “messo sotto scacco” dal progetto del collegamento sciistico fra Cervinia e Ayas.

Tre fotografi, i biellesi Annamaria Gremmo e Marco Soggetto e un milanese Francesco Sisti dal 2015 hanno lanciato un progetto fotografico di conservazione per sensibilizzare l’opinione pubblica. Gli stessi hanno promosso la petizione online su Change.org che ad oggi vede circa 13mila firme. 

Con Valle Virtuosa ora invitano tutti i valdostani domenica 18 luglio ad una “salita per il Vallone”. Una semplice passeggiata alla portata di tutti che partirà da Saint-Jacques alle ore 8.30 per arrivare fino all’Alpe Vardaz, con possibilità di prosecuzione all’Alpe Mase.

“Come succede spesso in Valle d’Aosta – spiega Jeanne Cheillon di Valle Virtuosa, nel corso di una conferenza stampa  – gli autoctoni devono chiedere aiuto a chi arriva da fuori valle e sviluppa un amore e una passione per il nostro territorio, che noi perdiamo invece di vista”.

I fotografi e l’Associazione ambientalista si dicono preoccupati per le ultime scelte politiche, come quella di avere un  “assessore preposto ad un impianto” e lo studio di fattibilità previsto da Defr, i cui primi risultati sono attesi nell’ottobre 2021.

Scelte che, ricordano i fotografi e Valle Virtuosa, si scontrano con le normative regionali ma anche comunitarie che individuano Cime Bianche come zona a protezione speciale.

“La tutela ambientale, ma anche l’opinione pubblica possono fermare questo progetto” sottolinea Marco Soggetto. “Il Vallone di Cime Bianche è uno scrigno di biodiversità e un museo archeologico a cielo aperto – aggiunge Annamaria Gremmo – bisogna impedire che tale patrimonio, un bene comune, venga perso”.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo