Come le macchine agricole cambiarono volto all’agricoltura: riapre la mostra ‘L’epoca dei pionieri’

Al museo Gerbore sono esposti un'ottantina di mezzi e utensili degli anni cinquanta, che raccontano le grandi trasformazioni subite dal settore agricolo negli anni del boom economico. La mostra è curata dalla "Fondation Joseph Gerbore".
La prima macchina ad operare sui prati valdostani a partire dal 1950
Società

Con la bella stagione riapre i battenti l’esposizione “L'epoca dei pionieri”, allestita al museo Gerbore di Saint-Nicolas, in frazione Lyveroulaz. Si tratta di una raccolta di macchine agricole degli anni ’50, che racconta l’avvio della meccanizzazione del lavoro agricolo in Valle d’Aosta. In esposizione, nello storico edificio che ospita da tempo immemorabile il forno per il pane e la latteria a servizio delle famiglie del villaggio, ci sono un’ottantina di macchine, attrezzi e utensili degli anni '50-'60, donati o prestati dai proprietari originali o dai loro eredi. La collezione, unica nel suo genere in Valle, si arricchisce di anno in anno grazie ad ulteriori doni di privati.

L’esposizione, visitabile a partire dal 1 luglio, racconta una fase cruciale nel processo di modernizzazione della Valle d’Aosta, un cambiamento che ha investito proprio il settore apparentemente più impermeabile alle trasformazioni, quello più legato alle tradizioni, al territorio e ai ritmi immutabili della natura, dei raccolti, delle piogge. E’ stato notevole, infatti, l’impatto sociale ed economico dei macchinari agricoli, e in particolare delle motofalciatrici.
La mostra è curata dalla "Fondation Joseph Gerbore", alla quale è concesso in comodato dal Comune l’edificio che ospita l’omonimo museo.
Proprio Joseph Gerbore, nato nel 1900, fu il maggiore pioniere della meccanizzazione dell’agricoltura, arrivando ad aprire una rivendita di macchine agricole ad Aosta, nel 1950.

Il museo rimarrà aperto fino al 30 settembre, nei mesi di luglio e agosto tutti i giorni dalle 15 alle 18, nel mese di settembre solamente sabato e domenica, sempre dalle 15 alle 18.  Al di fuori di questi orari è possibile prenotare una visita guidata per telefono.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società