Emozioni, cultura e tradizioni nell’offerta turistica invernale valdostana 2008-09

L'offerta turistica invernale 2008-2009 della Valle d'Aosta è stata presentata, dopo Milano, anche a Roma di fronte a giornalisti e opinion leader del settore enogastronomico. Festeggiato anche lo Chardonnay Cuvée Bois '06.
L'Assessore Aurelio Marguerettaz a Roma per la presentazione dell'offerta turistica invernale
Società
Scoprire Aosta come un mix tra stazione sciistica e una straordinaria città d’arte e la creazione di attività curiose o romantiche per le notti d’inverno in Valle d’Aosta, dalle discese su slitta, all’osservazione degli astri, sono due delle proposte di punta che caratterizzano l’offerta turistica invernale 2008-2009 della Valle d’Aosta. A presentare l'offerta, mercoledì 15 ottobre nella "Città del Gusto" di Roma, sede del Gambero Rosso, è stato l’Assessore regionale competente, Aurelio Marguerettaz. Ad ascoltarlo, in un clima informale, fra assaggi di prodotti valdostani e degustazioni di vini, sono stati giornalisti e opinion leader del settore enogastronomico.

Nel presentare la panoramica dei servizi e delle offerte per i visitatori, partendo dai comprensori internazionali con le stazioni della grande tradizione sciistica italiana per arrivare al dettaglio delle piccole stazioni sempre più competitive e attrezzate nell’offerta alle famiglie, l’Assessorato regionale ha posto l’attenzione sul “turismo di prossimità”, proveniente dalla regioni vicine alla Valle, oltre che alla promozione di una nuova cultura dell’accoglienza a livello famigliare, locale, “capace di trasferire i contenuti più autentici della tradizione valdostana ad un turista sempre più attento al patrimonio culturale”.

Il turista che decide di trascorrere un soggiorno nella nostra regione – ha evidenziato MArguerettaz – è sempre più esigente e apprezza sempre meno le proposte turistiche standardizzate. Va alla ricerca di emozioni e di opportunità di approfondimento e di conoscenza del territorio, della sua cultura e delle sue tradizioni. La Valle d’Aosta con il suo ricco patrimonio culturale ed enogastronomico è in grado di soddisfare anche i turisti più esigenti”.

Nel corso della presentazione è stato, infine, festeggiato anche il riconoscimento che Gambero Rosso e Slow Food hanno assegnato allo Chardonnay Cuvée Bois ’06 – Les Crêtes, eletto Vino Bianco dell’Anno nella guida ai Vini d’Italia 2009.

 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte