Società

Ultima modifica: 14 Febbraio 2013 0:00

Etroubles è uno dei 21 comuni “Gioielli d’Italia”

Etroubles - I comuni selezionati e inseriti nel circuito"I Gioielli d'Italia” saranno ora protagonisti di una campagna di promozione sul mercato nazionale e internazionale. La premiazione martedì scorso a Roma.

Etroubles è uno dei 21 comuni "Gioielli d’Italia". Il paese del Grand Combin è risultato vincitore del concorso previsto dall’Accordo-Quadro sottoscritto il 23 settembre 2010 tra il Ministro per il Turismo e il Presidente dell’Anci. La premiazione si è svolta martedì scoso a Roma nella sala delle Conferenze di Palazzo Cornaro, alla presenta del Ministro per gli Affari Regionali, il Turismo e lo Sport, Piero Gnudi. Per Etroubles erano presenti il sindaco Massimo Tamone, dal vice-sindaco Marco Bignotti e dall’assessore Ferruccio Cerisey.

Le buone pratiche riconosciute e promosse dal progetto sono di "tutelare e rendere fruibile per il turista il proprio patrimonio architettonico o naturale; mantenere la propria capacità di ospitalità e di accoglienza turistica; conservare il proprio sistema di attrattive sul territorio; attuare politiche sostenibili di promozione dell’offerta culturale; attuare iniziative per l’accessibilità e l’informazione turistica."

I comuni selezionati e inseriti nel circuito"I Gioielli d’Italia” saranno ora protagonisti di una campagna di promozione sul mercato nazionale e internazionale. Per Etroubles si tratta di un nuovo riconoscimento che si aggiunge a “Uno dei Borghi più Belli d’Italia”, “Bandiera Arancione del Touring Club Italiano” e candidato a rappresentare l’Italia al concorso europeo “Entente Florale 2013”.

"Una bella soddisfazione  – commenta in una nota Tamone  –  che il nostro piccolo Comune è riuscito ad ottenere con impegno, convinzione, programmazione e lungimiranza, lavorando giorno dopo giorno affinché il nostro territorio possa venire riqualificato, conosciuto, apprezzato e possa diventare sempre di più meta di soggiorni all’interno del contesto valdostano per noi unico al mondo."
 

 

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>