“Giornalisti di cui essere fieri”: Gianni Barbacetto lunedì sera all’Espace populaire 

Nell'ambito della rassegna ?Giornalisti di cui essere fieri?, l'Espace Populaire di Aosta ospiterà lunedì prossimo, 2 luglio, a partire dalle ore 21, il giornalista Gianni Barbacetto, autore di ?Compagni che sbagliano. La sinistra...
Società

Nell’ambito della rassegna ?Giornalisti di cui essere fieri?, l’Espace Populaire di Aosta ospiterà lunedì prossimo, 2 luglio, a partire dalle ore 21, il giornalista Gianni Barbacetto, autore di ?Compagni che sbagliano. La sinistra al Governo e altre storie della nuova Italia?, Ed. Il Saggiatore – Collana infrarossi.

Il libro parte dall’analisi delle elezioni del 2006 e offre poi una breve cronistoria del primo anno del governo Prodi, scoprendo come, a guardare gli scandali delle cooperative rosse o le blande misure adottate dal governo per non disturbare le varie lobby, non ci sia poi tutta questa differenza tra il centrosinistra e il centrodestra quando si tratta di fare affari.

Gianni Barbacetto racconta nella sua ultima fatica ?gli «eroi» di questa nuova epoca. Storie di furbetti rossi e neri. Storie di una transizione senza fine e della morte politica di un Paese in cui anche la sinistra, che un tempo si diceva «diversa», si è del tutto integrata nel sistema dominante.?

Gianni Barbacetto è inviato del settimanale Diario.
Collaboratore di Micromega, dirige Omicron, l’Osservatorio milanese sulla criminalità organizzata al nord.
Tra i suoi libri: Milano degli scandali (Laterza 1991) con Elio Veltri; Campioni d’Italia (Marco Tropea Editore 2002; Mani pulite (Editori Riuniti 2002) con Peter Gomez e Marco Travaglio. Dopo aver scritto B. Tutte le carte del Presidente (Marco Tropea Editore 2004) e aver curato il Dossier Dell’Utri (Kaos edizioni 2005), in questo volume ha deciso di non citare mai, ma proprio mai, il nome dell’ex presidente del Consiglio.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società