Il Bim soddisfatto del disegno di legge relativo alla “Carta delle autonomie”

Barocco: "garantisce l’esistenza dei consorzi Bim sia a livello nazionale che a livello regionale" e aggiunge "La montagna ha bisogno di politiche d’accompagnamento alla sviluppo delle ricchezze storiche e naturali, base per una crescita economica".
Jean Barocco
Società
Il Presidente dell'Assemblea Nazionale Federbim esprime soddisfazione per il testo del disegno di legge relativo alla “Carta delle autonomie” che riconosce il ruolo centrale dei BIM in tutta Italia. “Prendiamo atto che il disegno di legge definito approvato recentemente dal Governo, garantisce l’esistenza dei consorzi Bim sia a livello nazionale che a livello  regionale – afferma Jean Barocco Presidente dell’Assemblea  nazionale di Federbim – "I Consorzi BIM sono infatti enti consolidati da tempo sui territori di competenza e sono un'indispensabile realtà, diretta espressione della libera scelta dei Comuni di gestire insieme le entrate derivanti dai sovraccanoni  idroelettrici quale sorta d'indennizzo alle comunità locali per lo sfruttamento dell’acqua e, proprio per questo, rappresentano con i loro  investimenti un punto essenziale per un sistema di governance funzionale  alla montagna. E' inoltre opportuno ricordare che i Consorzi BIM hanno costi  di gestione contenuti, entro l’8% del proprio bilancio ed inoltre, che  gestendo risorse derivanti dalle società elettriche, non gravano sulla  finanza pubblica locale."   
Dal punto di vista strettamente regionale Barocco evindenzia inolter che grazie alla Presidenza delle Regione “è stato inserito nel  decreto un preciso articolo che fa salve le competenze statutarie in  materia.  

"La montagna italiana – conclude il Presidente Barocco – ha bisogno non di assistenzialismo, bensì di politiche d’accompagnamento che nei vari  settori, (energie rinnovabili, turismo, prodotti tipici, ecc.), la mettano in  condizione di poter sviluppare il ricco patrimonio di risorse storiche e naturali che la contraddistinguono e che possono generare una virtuosa  nuova fase di crescita  economica e sociale all'insegna della sostenibilità ed  dell'integrazione."  

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società