Il bollettino della neve da questa stagione invernale diventa giornaliero

Il documento viene redatto sulla base di una fitta rete di dati, circa 81 stazioni automatiche e 250 rilievi manuali a settimana.
Società

E’ il documento più consultato dagli sciatori per conoscere qualità e spessore del manto nevoso. Così, con la nuova stagione invernale 2016-2017, il Bollettino neve e valanghe della Regione Valle d’Aosta diventa quotidiano con un aggiornamento sette giorni su sette.

 

A partire da giovedì 24 novembre 2016, data di emissione anticipata del primo Bollettino della stagione e resa necessaria dalle abbondanti piogge e nevicate, viene infatti redatto in una versione rivisitata, tramite pubblicazione giornaliera, prevista per le ore 16.00, della previsione del pericolo valanghe per il giorno successivo a quello di emissione del Bollettino.

La ristrutturazione del Bollettino ha comportato l’eliminazione della parte tabellare dove venivano raccolti i dati nivometeorologici salienti, risultata, in seguito ad un sondaggio, poco leggibile e poco letta dagli utenti del Bollettino: in sostituzione della tabella saranno a breve rese disponibili delle mappe relative all’altezza della neve al suolo e della neve fresca, a 2000 m e a 2500 m, sul territorio regionale. Tali mappe, realizzate dal Centro Funzionale regionale (Dipartimento Protezione Civile e Vigili del fuoco della Presidenza della Giunta), in collaborazione con il CIMA (Centro Internazionale di Monitoraggio Ambientale), saranno consultabili nel sito stesso del Centro Funzionale e nel menù a destra della pagina del Bollettino neve e valanghe della Valle d’Aosta.

Il Bollettino neve e valanghe regionale viene redatto sulla base di una fitta rete di dati (circa 81 stazioni automatiche e 250 rilievi manuali a settimana) elaborati dai tecnici valanghe grazie a un’esperienza previsionale decennale, frutto delle collaborazioni con chi opera sul territorio (Guardie forestali regionali, Guide alpine, Agenti del soccorso alpino della Guardia di Finanza, personale dei comprensori sciistici, delle Commissioni locali valanghe, della Compagnia valdostana delle acque e del Parco nazionale del Gran Paradiso).

Il Bollettino ha anche una finalità di protezione civile con la valutazione del pericolo valanghe in relazione alla probabilità di distacco spontaneo per la difesa di edifici, vie di comunicazione e infrastrutture, attraverso la previsione di eventi critici potenzialmente catastrofici in collaborazione con le Commissioni locali valanghe.

Il Bollettino è consultabile a questo indirizzo

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società