“Piccozza d’oro” al re degli Ottomila. “Ma la vetta in sé è noiosa, il bello è il ritorno al mondo”

Il riconoscimento alla carriera a Rehinold Messner è stato consegnato ieri sera, venerdì 9 aprile. In sala anche l’amico Walter Bonatti, i due acclamati come star del cinema.
Da sx: Bonatti, Eric Fournier, Viérin, Derriard e Messner
Società

E' finita con un bagno di folla la serata dei Piolets d'or che ha visto assegnare la "Piccozza alla carriera" a Reinhold Messner. La sala del Palanoir di Courmayeur era piena all'inverosimile, con gente che ha seguito la cerimonia anche dal foyer. Nel corso della prima parte è stata presentata la giuria, poi è arrivato il momento tanto atteso, e si sono iniziati a vedere i video delle imprese di Messner: il primo uomo ad aver completato tutti gli Ottomila della terra. Una leggenda vivente nel suo campo, uno degli ultimi, assieme a Walter Bonatti, premiato lo scorso anno, nella prima edizione dei Piolets alla carriera e presente in sala.

Reinhold Messner è stato il protagonista indiscusso della serata. "Un uomo prima che un alpinista", ha detto di lui il sindaco di Courmayeur, Fabrizia Derriard. Un personaggio che nella sua vita e nella sua carriera ha sempre preso posizione, per ribadire ciò in cui crede. E, indubbiamente, la montagna è uno dei valori della sua esistenza, montagna che per Messner è una vera e propria metafora della vita. "La montagna – dice – non sbaglia mai, è sempre l'uomo a sbagliare". Messner, l'uomo delle vette ha spiegato qual è il momento più bello per lui salendo una montagna: "E' il ritorno in Valle, quando ritorno di nuovo nel mondo vivo, quando inizi a sentire gli uccellini che cantano, vedi i primi alberi, incontro i miei simili. E' allora che l'avventura che hai fatto acquista significato, non prima. E' una sorte di rinascita. Le cime in sé non dicono niente, sono noiose, arrivi li e non ti puoi neanche godere il panorama: perché non c'è spazio, perché c'è poco ossigeno, perché si fa notte".

Messner non si è mai risparmiato, e nella sua vita ha sempre detto come la pensava, ma ha speso belle parole nei confronti dei Piolets: "Se rimangono quel che sono ora, l'oscar dell'alpinismo, se continueranno a premiare l'alpinismo tradizionale allora avranno un grande futuro". E poi c'era Bonatti. "Sono felicissimo che tua sia qui", gli dice Messner. E Bonatti: "Ho vinto due volte: l'anno scorso premiando me è come se aveste premiato te e viceversa". Reinhold annuisce e aggiunge: "Bonatti per me è sempre stato un modello, ho avuto la fortuna di parlarci, di conoscerlo bene, a noi basta uno sguardo per capirci".

Il sipario inizia a calare sulla parte italiana della 18esima edizione dei "Piolets d'or", ma prima di andare via i fan (tanti) corrono sul palco per farsi fare una foto con questi due giganti italiani e per farsi autografare i libri. I due non hanno nulla da invidiare alle star di Hollywood, anzi, forse è vero il contrario. E quindi meritano in pieno di finire nella "walk of fame" che sorgerà nella via delle Guide a Courmayeur, dove saranno raccolti i calchi delle mani dei vincitori del premio alla carriera. Le prime mani sono di Bonatti e Messner, niente male come inizio.
La manifestazione si chiuderà oggi, alle 21, al Majestic di Chamonix, con la proclamazione del vincitore di quest'anno.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte