Quotare Cva significa perdere una parte della nostra identità

Riceviamo e pubblichiamo
I lettori di AostaSera
I lettori di Aostasera, Società

Elencare tutto ciò che ormai non funziona, in Valle d'Aosta, è diventato fin troppo semplice.
L'agricoltura è sempre più strangolata da cavilli e promesse non mantenute, la sanità e i servizi sociali sono azzoppati dai continui tagli, l'industria è ormai scomparsa, i mezzi di trasporto sono obsoleti e inadeguati, gli edifici pubblici vengono svenduti, il Casinò, un tempo fonte certa di ricchezza, oggi si è trasformato in un pozzo di San Patrizio senza fondo, e molto molto altro si potrebbe aggiungere…
L’isola felice a cui eravamo abituati sta crollando, ormai è solo un’ombra di se stessa che riflette in lontananza qualche antico splendore del passato.
Tuttavia non tutto è perduto: ciò che ci resta è il nostro territorio, la terra, le montagne…e l'acqua.
Ma siamo consapevoli della grande risorsa che abbiamo nelle nostre mani? L’acqua pubblica è un dono ed è un diritto di cui deve godere tutta la comunità e che dobbiamo salvaguardare. L’acqua è vita, ed è una delle nostre fonti primarie di energia! Purtroppo però questa energia è proprio quella che stuzzica gli appetiti del mondo moderno!

Se CVA venisse quotata perderemmo l’unica azienda che, grazie ai suoi introiti, oggi garantisce la sopravvivenza della nostra comunità e tiene in piedi questo traballante castello.
Inoltre da un punto di vista ideologico e identitario, per noi valdostani, perdere CVA, vorrebbe dire essere privati di un pezzo della nostra terra e della nostra storia.
Siamo rimasti adagiati per troppo tempo nella bambagia, senza chiederci da dove arrivasse tutto il denaro che ci ha permesso di vivere discretamente fino a qualche anno fa. Poi la crisi si è fatta sentire anche qui; e oggi la tentazione di vendere un pezzo della nostra patria per inseguire un facile guadagno è sempre più forte.
Ci rivolgiamo al presidente Marquis e a tutta la giunta. Ci rivolgiamo a tutti i consiglieri, regionali, comunali, di maggioranza e di opposizione. Ci rivolgiamo a tutti gli appartenenti alla comunità valdostana, di nascita o acquisiti, che calpestano questa terra e bevono la sua acqua.
Dimostriamo di avere a cuore la nostra terra e la nostra acqua! Dimostriamo di avere delle soluzioni alternative e lungimiranti per far fronte a questo terribile periodo di crisi economica! Dimostriamo di meritare i doni del nostro territorio e difendiamolo, difendendo con esso il nostro futuro e quel poco che resta della nostra autodeterminazione come popolo.
Sospendete la quotazione di CVA. Fermatevi. Parliamone e discutiamone. Non avviamoci su una strada così pericolosa senza neppure porci qualche domanda. Non diamo in pasto a qualche grande gruppo finanziario quel che resta della nostra ricchezza. Non permettiamo che questo accada!

Manuel Voulaz
Tania Piras

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società