Società

Ultima modifica: 21 Agosto 2019 18:39

Sanità, sull’ambulatorio di Variney l’Usl risponde a Restano: nessuno smantellamento

Aosta - L'allarme sul destino del consultorio era stato lanciato via social dal consigliere regionale, che ha annunciato la raccolta firme e una petizione per impedirne la chiusura. Rispondono all'unisono l'Azienda e l'Assessore Baccega "non è prevista alcuna riduzione o ridimensionamento”.

Consultorio VarineyConsultorio Variney

Dopo le preoccupazioni in coda al 2018, sbarcate poi in Consiglio Valle, l’’allarme ieri era stato rilanciato via social da Claudio Restano: il consultorio di Variney rischia la chiusura.

Il consigliere regionale, nel post sulla sua pagina Facebook, spiegava: “Presso i comuni di Allein, Bionaz, Doues, Etroubles, Gignod, Ollomont, Oyace, Roisan, Saint-Oyen, Saint-Rhémy-en-Bosses e Valpelline puoi trovare i moduli di raccolta firme per la petizione che vuole mantenere i servizi sanitari del consultorio di Variney. Questo presidio sanitario è molto importante per la nostra vallata e non vogliamo che venga smantellato un pezzo alla volta”.

Diffusasi la notizia è toccato all’Usl, per bocca del Commissario Angelo Pescarmona smentire e fare da “pompiere” sulla questione e, scrive in una nota “ribadire con chiarezza che per tutti i servizi che attualmente vengono erogati in quella sede non è prevista alcuna riduzione o ridimensionamento”.

Non solo, il comunicato di Pescarmona spiega anche che “per quanto riguarda l’area della Sanità Pubblica dall’inizio del 2019 a seguito delle note carenze di specialisti è stato sospeso l’ambulatorio di mezza giornata a settimana con la concentrazione su Aosta dei servizi e l’implementazione dei servizi vaccinali presso i Pediatri di Libera Scelta”, ma anche che, riguardo l’ambulatorio di Psichiatria “qualche tempo fa vi era una apertura di un giorno a settimana con evidente spreco di risorse mediche che effettuavano in quella giornata una media di due visite e in alcuni giorni il medico non vedeva nessuno. Ora, per entrambi questi ambulatori si sta concretizzando la possibilità di implementare i servizi anche per la sede di Variney, qualora le procedure di acquisizione di risorse specialistiche in corso producano per il prossimo autunno gli esiti sperati”.

Insomma, chiude il Commissario: “Se così fosse potremo incrementare l’offerta rispetto all’esistente, altrimenti confermeremo quanto in essere. In nessun caso è previsto lo smantellamento’”.

A stretto giro una risposta arriva anche dall’Assessore alla Sanità Mauro Baccega in cui conferma che “non è in atto nessun tipo di riduzione dei servizi sanitari attualmente offerti e già illustrati in Consiglio regionale in data 10 luglio 2019” e come, quindi “l’iniziativa di una petizione per la raccolta di firme da presentare in Consiglio regionale” sia “del tutto inutile”.

Baccega che incontrerà i Sindaci dei Comuni dell’Unité Grand-Combin lunedì 26 agosto “al fine di poter illustrare i servizi erogati – chiude l’Assessore – e dare le corrette informazioni a tutti i cittadini”.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>