“Sono limitato nei movimenti, ma la presenza del cuore è piena”

Oggi, domenica 19 luglio, Benedetto XVI ha recitato l’Angelus a Romano Canadese. Pochi istanti prima ha ringraziato, ancora una volta, i medici che lo hanno operato e i fedeli che hanno pregato per lui.
Società

Benedetto XVI è giunto in chiesa pochi minuti prima di mezzogiorno. Piazza Ruggia, a Romano Canavese, era gremita già dal mattino. Potevano accedervi solo le persone dotate di “pass”. Tutti gli altri si sono raccolti in due piazze all’ingresso del paesino, dotate di megaschermo sul quale poter seguire la Santa Messa prima, e l’Angelus poi. Il pontefice è sceso in elicottero da Les Combes, il velivolo è atterrato a qualche chilometro di distanza da Romano, di lì, in macchina, ha raggiunto il borgo. La piazza centrale alle 8,30 era già piena.

“Sono nella mia agilità un po’ limitato – ha detto Papa Benedetto -, ma la presenza del cuore è piena, è con grande gioia che sono con voi. Ringrazio tutti quelli che hanno dimostrato l’affetto per me e che hanno pregato per me. Voglio ringraziare i medici di Aosta, che mi hanno trattato con tanta gentilezza”. Poi è stato il momento della recita dell’Angelus, nel pomeriggio il Papa è rientrato nella sua casa di Les Combes.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte