Via libera dall’Anas ai lavori per la variante di Etroubles

L’investimento complessivo sarà di 148 milioni di euro. Soddisfatto il sindaco di Etroubles, Massimo Tamone: “Rimangono solo da definire gli accordi per l’utilizzo dei terreni agricoli sui quali sarà depositato il materiale del cantiere”.
Il pullman ribaltato ad Etroubles
Società

Semaforo verde per la variante di Etroubles. Il progetto esecutivo del 2° lotto di lavori previsti tra l’ingresso del comune e l’innesto autostradale per il Traforo del Gran San Bernardo, è stato approvato dal Consiglio di Amministrazione dell’Anas.

“L’intervento prevede un investimento complessivo di oltre 148 milioni di euro – ha affermato il presidente dell’Anas, Pietro Ciucci – e consentirà di evitare l’attraversamento della strada statale 27 del Gran San Bernardo in corrispondenza degli abitati di Etroubles e di Saint-Oyen, separando i flussi di traffico locale da quelli di più lunga distanza”.

L’opera si svilupperà per un’estensione di circa 4,5 km, percorrendo una semicirconferenza che oltrepasserà i due centri montani: l’arteria stradale sarà costituita da una carreggiata larga 9,5 metri con due corsie da 3,5 metri, una per ogni senso di marcia, e banchine laterali da 1,25 metri.

Inoltre, secondo il progetto è prevista anche una galleria naturale a Saint-Oyen, lunga 3787 metri, due svincoli, due viadotti e una galleria di sicurezza lunga circa 500 metri, che collegherà la galleria stradale con l’esterno, a circa metà del suo percorso, e che potrà essere utilizzata come via di fuga in caso di emergenza.

I tempi di realizzazione saranno comunque lunghi: una volta avviato il cantiere, da contratto l’opera dovrebbe essere terminata in poco meno di 5 anni, tenuto anche conto della complessità del progetto e dell’impossibilità a lavorare per più di 5 mesi all’anno a causa dell’innevamento della zona, nella stagione invernale.

“Siamo soddisfatti per come il progetto sta andando avanti nella direzione e secondo gli indirizzi che avevamo sollecitato negli ultimi anni – ha dichiarato il sindaco di Etroubles, Massimo Tamone – adesso ci aspettiamo che siano definiti gli ultimi accordi legati ai terreni agricoli sui quali è previsto che venga depositato tutto il materiale utilizzato e derivante dal cantiere”.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società