La firma di Bartolomeo Pala sullo storico oro di Simone Deromedis

Pala, di Courmayeur, è direttore tecnico e capo allenatore dell’Italia del freestyle, che torna dai Mondiali di Bakuriani con un oro e un bronzo nello skicross.
Bartolomeo Pala ultimo a sinistra con Simone Deromedis foto Pentaphoto
Sport

Domenica 26 febbraio, una giornata storica per il freestyle italiano: Simone Deromedis si laurea campione del mondo di skicross. Mai nessuno ci era riuscito prima, e mai lo stesso 23enne trentino aveva vinto, neanche in Coppa del Mondo. “Ha scelto la giornata giusta!”, esclama felicissimo Bartolomeo Pala, direttore tecnico e capo allenatore dell’Italia. Poco dopo l’oro di Deromedis, sempre da Bakuriani (in Georgia) è arrivato anche il bronzo nel team event di Federico Tomasoni e Jole Galli.

Pala, classe 1979, è di Courmayeur, ed è stato cofondatore della Scuola di Sci Courmayeur. Un passato nello sci alpino, poi due apparizioni in Coppa del Mondo di skicross nel 2004 e 2007 e la carriera da allenatore: da 12 anni in Federazione, responsabile da cinque e direttore tecnico da due. Un movimento che ha visto crescere – anzi, che ha fatto crescere: “Siamo partiti praticamente da zero e siamo arrivati a vincere l’oro Mondiale. Non male”, racconta. “Sapevo che eravamo pronti per fare bene, in particolare da Simone ci aspettavamo prima o poi il risultatone. La squadra c’è e ha dimostrato di meritare di stare ai vertici, e anche il bronzo nel team event ne è la prova”. Deromedis, quinto alle Olimpiadi di Pechino, era reduce da un grave infortunio alla clavicola ed è stato “rimesso in piedi” da un altro valdostano, Gabriele Thiébat, responsabile dei dottori del freestyle.

Bartolomeo Pala con Federico Tomasoni e Jole Galli foto Pentaphoto
Bartolomeo Pala con Federico Tomasoni e Jole Galli foto Pentaphoto

Un risultato che fa ben sperare non solo in vista delle Olimpiadi Milano-Cortina 2026 (“il progetto è arrivare competitivi, stiamo lavorando per questo”), ma anche per il movimento dello skicross in Valle d’Aosta: “A livello regionale, 12 anni fa siamo stati i primi ad avere un Comitato, poi non se ne è fatto più niente”, conclude Bartolomeo Pala. “Nessuno lo pratica, sono ancora tutti concentrati sullo sci alpino. Speriamo che con questi risultati qualcuno si interessi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

Il periodo di verifica reCAPTCHA è scaduto. Ricaricare la pagina.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte