Video 

Presentato lo spot tv invernale: “Valle d’Aosta, la felicità ritrovala qui”

“Più ci avviciniamo alla nostra natura, più ci avviciniamo alla felicità”. Queste le parole che lanciano la campagna pubblicitaria invernale 2022/23 che si trovano nello spot che, dal 4 dicembre, vedrà 857 passaggi televisivi sulle reti Rai, Mediaset, La7, quelle di Sky in chiaro (quindi Tv8 e Cielo) e quelle di Discovery Channel.
Turismo

Più ci avviciniamo alla nostra natura, più ci avviciniamo alla felicità”. Sono queste le parole che lanciano la campagna pubblicitaria invernale 2022/23 e che si trovano nello spot che, a partire dal 4 dicembre, vedrà 857 passaggi televisivi sulle reti Rai, Mediaset, La7, quelle di Sky in chiaro (quindi Tv8 e Cielo) e quelle di Discovery Channel. E che presto sarà pubblicato sul canale YouTube del turismo regionale.

Al lancio dello spot, l’assessore al Turismo Jean-Pierre Guichardaz ha spiegato: “La Valle d’Aosta è una regione bellissima, piccola e fragile, talmente particolare che si differenzia da tutte le altre. Noi non possiamo fare le stesse cose di una grande regione di pianura, e abbiamo cercato di rappresentarla per com’è: evidenziandone le bellezze, le sue fragilità e la necessità della sua sostenibilità”.

Una clip che, in realtà vuole chiudere un cerchio aperto due anni fa, come idea, e la cui linea si è cominciata a tracciare lo scorso inverno in un percorso ideale. Un anno fa, lo spot guardava alle riaperture dopo il lockdown, spiegando come “Ci sono cose che più le aspetti e più le desideri”. Quest’estate ci si spostava altrove, raccontando un Valle nella quale ritrovare lo spazio. Oggi, l’ultimo tassello, che punta ad un’altra sensazione e dice, in chiusura del video, “Valle d’Aosta, la felicità ritrovala qui”.

Il perché è presto detto: “Abbiamo lavorato su valori ed elementi che potessero descrivere l’esperienza della sua completezza – ha spiegato Valeria Allievi dell’agenzia pubblicitaria White Red & Green di Milano che ha curato la campagna -. In estate abbiamo parlato di spazio, di emozione, di tempo. Il nuovo spot, invece, parla di un bisogno tanto grande in questo momento: la felicità, da ritrovare in Valle d’Aosta e in noi stessi”.

Un lavoro, si diceva, che parte da lontano: “Abbiamo creato un progetto che aveva già l’ambizione di raccontare la Valle d’Aosta in maniera si differenziassi rispetto ad altri luoghi nei quali si scia. Tanti hanno le piste, tanti hanno un’enogastronomia peculiare, tanti hanno le mele – ha aggiunto Allievi -. Diventa quasi facile parlare di queste cose, per quanto straordinarie, in modo molto simile. Era facile farlo e non volevamo, non con quel meccanismo. In questi due anni, ciò che rende orgogliosa la nostra agenzia, è che oggi si aspetta l’uscita dello spot. Magari per esserne fieri o anche per criticarlo. Ma, all’esterno questi spot hanno funzionato. Non è un risultato misurabile con i dati ma con la rilevanza, il posizionamento”.

“Lo studio degli spot è partito in momento difficilissimo, eravamo sigillati in casa da una settimana e stavamo immaginando cosa fare per lanciare la Regione – dice ancora Guichardaz -. Ora il marchio Valle d’Aosta sta diventando un brand, richiesto da più parti, e tanto grazie anche al grande lavoro di chi ci ha preceduti. Stiamo trasformando questo nostro cuore in un simbolo riconosciuto che descrive un prodotto di qualità. Abbiamo lavorato molto sulla creazione del prodotto e sta a noi assemblare e cercare di fare sistema. Il menù è fatto ed è unmenù a cinque stelle’”.

La “chiusa” tocca Remo Chuc, dirigente della Struttura Promozione e progetti europei per lo sviluppo del settore turistico dell’Assessorato: “Questa stagione estiva è stata la migliore di sempre. Questa Struttura, piccola e con carenza di personale, ha lavorato molto quest’anno. Abbiamo partecipato a numerose fiere, anche quelle di settore legate ai beni culturali, abbiamo promosso il territorio attraverso gli eventi sportivi. Siamo andati in prima serata in tv, il 14 luglio scorso e con un indice di ascolto altissimo su France 2 prima del discorso del presidente Macron. Abbiamo lanciato uno spot estivo andato in onda su tutte le reti, ora c’è quello invernale”.

Spot che guarda ad un pubblico preciso: “È molto distintivo – spiega infine Chuc – e tiene conto di un aspetto: soltanto il 40 per cento dei turisti invernali viene per fare attività sportiva e outdoor. Il restante viene per ritrovarsi, ritrovare se stesso, prendersi il proprio tempo, fare passeggiate, cercare il distacco, stare con la famiglia. Ed il nuovo spot condensa tutto questo”.

Il lancio dello spot invernale 2022/23. Da sx: Chuc, Guichardaz e Allievi
Il lancio dello spot invernale 2022/23. Da sx: Chuc, Guichardaz e Allievi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte