Video 

Visita virtuale al Castello di Aymavilles, ottava perla della collana dei castelli valdostani

Dopo anni di lavori apre finalmente le sue porte il Castello di Aymavilles, presenza inconfondibile nel paesaggio valdostano all’imbocco della valle di Cogne.
Alla scoperta dei castelli valdostani

Dopo anni di lavori apre finalmente le sue porte il Castello di Aymavilles, presenza inconfondibile nel paesaggio valdostano all’imbocco della valle di Cogne.

Parliamo di un edificio che ha subito nel corso dei secoli molti rimaneggiamenti che lo hanno portato ad avere l’aspetto odierno. Responsabile di questi cambi di gusto è la celeberrima famiglia Challant, alla quale è dedicata una sala, fino alla metà del XIX secolo proprietaria del castello, e alla quale si devono i tre aspetti caratteristici del maniero: medievale per le quattro torri, barocco per le bianche facciate e ottocentesco negli eleganti interni. Risale già al 1207 la notizia di una casaforte cinta di mura di proprietà dei signori De Amavilla. Nel XIV Aimone di Challant gli diede un’immagine più austera e il figlio Amedeo aggiunse le torri che possiamo vedere ancora oggi. L’aspetto esterno attuale risale all’imponente intervento settecentesco, un radicale rifacimento voluto dal barone Joseph-Félix de Challant, che inserì gli elementi tardo barocchi, le decorazioni in stucco e lo scalone esterno.

Nel 1804 Philippe Maurice de Challant, non avendo eredi maschi, lasciò i suoi beni alla nipote Teresa: il figlio Vittorio trasformò il castello in un piccolo museo privato per le sue collezioni di arte e di antichità e fu il promotore di una grande campagna decorativa che coinvolse gran parte degli ambienti del castello, e che oggi possiamo ammirare grazie ad un sapiente lavoro di restauro. Alla sua morte, avvenuta senza figli nel 1857, il castello passò in mani diverse: nel 1870 il conte Clemente Verasis Asinari di Castiglione, appartenente ad una nobile famiglia astigiana, acquistò il castello dalla vedova del marchese Carlo Faussone di Montaldo, che a sua volta lo aveva ereditato dal conte Cacherano della Rocca Challant. Nel 1895 il conte Verasis, indebitato e senza discendenti, rivendette il castello all’industriale genovese Raffaele Bombrini. Una sala è dedicata a questa famiglia con molteplici fotografie esposte, provenienti dall’archivio Bombrini, che mostrano l’ascesa della borghesia imprenditoriale, la moda per la villeggiatura in montagna tra Otto e Novecento, e molteplici momenti di vita quotidiana che spaziano da attimi spensierati nel giardino del castello, alla vendemmia, alla caccia, alle gite fuori porta in Valle. I Bombrini furono proprietari del maniero fino al 1970, anno in cui fu acquistato dalla Regione Autonoma Valle d’Aosta.

Al piano rialzato il castello racconta proprio la storia dei suoi proprietari, mentre a partire dal primo piano il progetto museale prevede l’esposizione, per la prima volta, della raccolta dell’Académie Saint-Anselme, formatasi a partire dal 1855, coerentemente con la destinazione storica assegnata al castello dagli ultimi Challant nel corso dell’Ottocento, cioè esprimendo al meglio l’amore per il collezionismo che deve aver animato Vittorio Cacherano. In assenza della collezione del conte, andata dispersa negli anni in cui la raccolta dell’Académie prendeva forma, le sale tornano a rivivere con le sue opere, nell’intento di ricreare quella sorta di casa museo di cui il proprietario del castello doveva andare fiero. Tra le opere più importanti della variegata collezione dell’Académie figurano l’altorilievo raffigurante Santa Caterina, attribuito alla bottega di Stefano Mossettaz, e i tre capitelli provenienti dalla chiesa di San Francesco ad Aosta.

 

È necessario osservare con attenzione le decorazioni che impreziosiscono il castello invadendo tutti gli spazi a disposizione comprese le porte dipinte minuziosamente con soggetti che attingono a diverse fonti: castelli medievali, animali, cavalieri, figure cinesi, Napoleone la sua armata e l’esilio…

Girovagando tra le stanze del castello si potranno notare le varie fasi costruttive dell’edificio, ben evidenziate e messe in risalto dal sapiente restauro architettonico.

Al termine della visita si raggiungerà il sottotetto dove plastici e apparati multimediali aiuteranno a capire meglio l’evoluzione architettonica e le vicende costruttive di questo complesso, ma soprattutto dove si può ammirare dal vivo la complessa e articolata carpenteria lignea quattrocentesca ancora perfettamente conservata, che sorregge la copertura in lastre di pietrame del castello e rappresenta uno dei pochi esempi dell’attività dei mastri carpentieri operanti in Valle nel corso del tardo Medioevo.

Il comune di Aymavilles custodisce importanti gioielli oltre al famoso castello: la chiesa e la cripta di Saint Légèr, il ponte acquedotto romano di Pont d’Ael e le numerose aziende vitivinicole…perché non concludere quindi scoprendo anche i vini del territorio attraverso una bella degustazione?

Come raggiungere il Castello di Aymavilles

Località Castello, 1 – 11010 Aymavilles (AO)

Orari apertura Castello di Aymavilles

Durante le giornate di sabato 14 e domenica 15 maggio l’ingresso al castello sarà gratuito.

Aprile – Settembre: 9 – 19

Ottobre – Marzo: 10 – 18

Chiuso il lunedì

Chiuso il 25 dicembre e il 1°gennaio

Tariffe

Intero: 9€
Ridotto: 7€

Ridotto alle comitive di almeno 25 persone paganti, nei casi di convenzioni che prevedano riduzioni (Consorzi turistici valdostani, Touring Club Italiano, FAI, Aosta Valley Card, Forte di Bard, Maison Bruil), ai titolari di skipass plurigiornalieri e stagionali

Gratuito alla fascia di età 0-25 anni compiuti, alle scolaresche e agli insegnanti / accompagnatori,  ai soggetti portatori di handicap in possesso della certificazione ed al loro accompagnatore,  ai possessori card ABBONAMENTO MUSEI, alle guide turistiche, ai giornalisti e media accreditati, MIC, ICOM.

Entrata con visita libera + 2 visite accompagnate giornaliere nei seguenti orari: 11.30 – 15.30

Visita accompagnata:
intero 12€
ridotto 8€
6 – 25 anni 3 €

Per famiglie 25 € (2 adulti+2 figli > 6 anni)

Prenota e acquista i tuoi biglietti online

CHÂTEAU D’AYMAVILLES

Accessibilità

Sito accessibile ai disabili fisici in sedia a rotelle.

Una risposta

  1. Finalmente dopo 50 anni dall’acquisto del castello da parte della Regione autonoma VdA, il bene pubblico diventa fruibile e attrattivo per il turismo. Era ora! Ma 50 anni non sono stati un po’ troppi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Alla scoperta dei castelli valdostani
Alla scoperta dei castelli valdostani
Alla scoperta dei castelli valdostani