Gioie e Motori

Ultima modifica: 17 Marzo 2019 11:56

Tradizione e innovazione si fondono nella nuova Toyota Corolla

Aosta - Toyota affianca la vocazione globale all’attenzione per le necessità dei singoli mercati, differenziando le caratteristiche della Corolla soprattutto dal punto di vista del design.

toyota corolla coming soon header mobile tcmtoyota corolla

La Toyota Corolla può a buon titolo essere considerata l’antesignana della globalizzazione. Era il 1966 quando vide la luce e, da subito, ottenne un successo notevole, divenuto planetario con il succedersi delle versioni – siamo arrivati a dodici – che hanno incontrato i gusti dei consumatori dei vari continenti.

Qualche dato? Quarantasei milioni di esemplari venduti, il doppio, per intenderci, di un mito come il Maggiolino Volkswagen. Pensionata la Auris, ora il marchio giapponese rilancia il modello, con la stessa filosofia: sfondare in tutto il mondo, con la tecnologia avanzata dell’ibrido. Per riuscirci, in un mercato ovviamente mutato, anzi drasticamente mutato, Toyota affianca la vocazione globale all’attenzione per le necessità dei singoli mercati, differenziando le caratteristiche della Corolla soprattutto dal punto di vista del design.

Uno sforzo notevole, che è il punto di arrivo di una progettazione durata quattro anni. Due i modelli: una hatchback sportiveggiante e la “Touring Sport”, decisamente versatile. La linea è tradizionale e innovativa allo stesso tempo. Il posteriore riprende gli stilemi originali di un’altra vettura fortunata, la C-HR, stilemi che si ritrovano anche nel frontale spigoloso ma aggraziato che dà una piacevole impressione di profondità.

Il colpo d’occhio è piacevole e può incontrare i gusti di una clientela composita. Nella marcia, la Corolla è maneggevole. Le dimensioni, lunghezza 4.37 m., larghezza 1.790, altezza 1.435, sono bene proporzionate. E risulta molto stabile, grazie alla piattaforma TNGA – C, che si caratterizza per un telaio più rigido, il baricentro ribassato e le sospensioni indipendenti che assorbono bene le asperità. Gli interni sono comodi, in particolare i sedili sportivi avvolgenti: anche il bagagliaio è piuttosto capiente.

Il sistema “MyT” assicura sei servizi interconnessi. Dal punto di vista della sicurezza, il pacchetto “Toyota Safety Sense” propone alcuni dispositivi quali, ad esempio, l’assistenza al mantenimento della corsia, il cruscotto digitale, il parcheggio assistito e il sistema pre – collisione. Capitolo propulsori. Qui troviamo la grande novità della Corolla. Per la prima volta sono proposte due opzioni. La prima, un 1.8, moderatamente potente (122 cavalli) e rassicurante e un 2.0 con prestazioni molto interessanti: i cavalli diventano 180, con un’accelerazione da 0 a 100 km/h in meno di otto secondi. Entrambe le motorizzazioni sono parche nei consumi e contenute nelle emissioni CO2. Tre gli allestimenti: in ordine crescente, “Active”, “Style” e “Lounge”. Prezzi da euro 22.950, con la possibilità del noleggio “Pay Per Drive”.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>