Un ringraziamento doveroso ai medici, ai volontari e a tutto il personale sanitario

Il messaggio di ringraziamento di Giuseppe Argirò, amministratore delegato di CVA, a tutto il personale impegnato nel Drive in per la somministrazione della terza dose di vaccino.
09_lettori
I lettori di Aostasera
Mi permetto di scrivervi perché sento il dovere morale oltre che l’enorme piacere di rivolgere un grandissimo ringraziamento per il vostro tramite alle persone che, con il loro impegno personale, hanno consentito a molti di noi di ricevere all’Espace Aosta ieri sera al Drive in vaccinale la terza dose di vaccino.
Mi ha colpito e fatto riflettere, oltre a darmi una grande iniezione di fiducia e speranza verso il futuro, vedere con quale abnegazione i volontari, i medici, e tutto il personale,  già provati da due anni di pandemia, si mettevano a disposizione di noi tutti per assisterci e garantirci la somministrazione in assoluta sicurezza.
Mi ha colpito una cosa che ormai diamo per scontata ma scontata non è: l’altruismo e la grande forza della disponibilità di quei volontari, medici e personale tutto che con il sorriso di notte sotto la pioggia hanno garantito in modo ineccepibile la gestione del flusso di persone che hanno utilizzato questo preziosismo servizio.
Sento il grande desiderio per il loro tramite di rivolgere un ringraziamento a tutti coloro che garantiscono questi importantissimi servizi per tutta la Comunità e il Paese.
Un grande grazie all’Ausl Valle d’Aosta, ai medici, al personale paramedico e, sopratutto, a tutti i volontari impegnati lì e altrove per la nostra salute.
Ed auguroni di buon anno nuovo affinché anche grazie al vostro contributo determinante sia migliore.
Giuseppe ARGIRO’
Amministratore Delegato CVA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

I lettori di Aostasera