Ad Aosta il convegno “Ritorno alle Alpi. Educare al cambiamento”

Venerdì 11 novembre l'Osservatorio sul sistema montagna “Laurent Ferretti” organizza la presentazione del Quaderno 49 e l'incontro "Alpi partecipate. La sfida della rigenerazione". Seguirà, sabato 12, il convegno "Ritorno alle Alpi. Educare al cambiamento".

L’11 e il 12 novembre, l’Osservatorio sul sistema montagna “Laurent Ferretti” della Fondazione Courmayeur Mont Blanc, insieme all’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Valle d’Aosta, promuove due iniziative, curate da Francesca Chiorino e Marco Mulazzani, inserite nell’ambito del programma pluriennale di ricerca “Architettura moderna alpina“.

Venerdì 11 novembre

Il primo appuntamento in programma è per venerdì 11 novembre, alle 17.30, presso la Sala conferenze della Biblioteca regionale con la presentazione, in anteprima, del Quaderno 49 Alpi partecipate. La sfida della rigenerazione, sintesi del programma triennale (2019-2021) che ha indagato progetti di architettura con un particolare afflato partecipativo. Durante l’incontro interverrà l’architetto Michele Merlo che si concentrerà sul Villaggio Sociale ENI di Corte di Cadore (BL) che a oggi continua ad attrarre visitatori e a porre interrogativi sul futuro e sulle rigenerazioni possibili che al suo interno si possono attuare.

Sabato 12 novembre

Sabato 12 novembre, a partire dalle ore 9.00, presso la Sala M. Ida Viglino del Palazzo regionale, si terrà invece il convegno “Ritorno alle Alpi. Educare al cambiamento”, primo appuntamento del ciclo Ritorno alle Alpi, un nuovo triennio di confronto sulle progettualità che interessano città alpine e comunità di montagna. Si parlerà della ricerca in ambito scolastico del maestro altoatesino Othmar Barth che viene interpretata e raccontata dagli architetti Sandy Attia e Matteo Scagnol dello studio MoDusArchitects, che con Barth condividono la città di vita e lavoro, Bressanone. Lì sorge anche la nuova Scuola di musica, un’architettura educativa inserita in un progetto strategico di rinnovamento che lo studio Carlana Mezzalira Pentimalli ha realizzato in costante confronto con la forma e la storia della città; a presentare il progetto in occasione del convegno sarà l’architetto Michel Carlana.

A questi interventi urbani fa contrappunto lo studio francese PNG, con il contributo dell’architetto Nicolas Debicki che ha rivitalizzato alcuni servizi educativi e sociali nel villaggio alpino di Saint-Barthélemy-de-Séchilienne lavorando sulla qualità della vita della comunità locale, tema al centro della Tavola rotonda conclusiva, cui interverranno Cristina Arfuso, dirigente tecnica della Sovrintendenza agli studi, Assessorato Istruzione, Università, Politiche giovanili, Affari europei e Partecipate della Regione Autonoma Valle d’Aosta, Giulia Radin, direttrice della Fondazione Natalino Sapegno, unitamente ai relatori della prima sessione.

Info e iscrizioni

La Presentazione del Quaderno 49 ed il Convegno sono accreditati ai fini della formazione professionale e continua degli architetti, degli ingegneri e dei geometri. Per iscriversi all’evento occorre compilare il form sul sito della Fondazione.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte