Al Cimitero di Sant’Orso la pièce “Émilie Argentier, entre histoire et fantaisie”

La pièce, organizzata in collaborazione tra l’Associazione “Amis du Cimetière du Bourg” ed i Comuni di Aosta e Charvensod, si terrà domenica 16 luglio alle 18 all’indomani della gara “Émilius 3559” e racconta la storia della donna in onore della quale il Mont Émilius è stato chiamato.
Mont Emilius PH Marlène Jorrioz

Il Mont Émilius deve il suo nome a Émilie Argentier, una giovane alpinista che, nel 1839 ad appena 14 anni, fu la prima donna a scalarlo, insieme al canonico Georges Carrel, che lo aveva scalato per primo nel 1826 quando ancora era conosciuto come “Le Pic de Dix Heures”, in contrapposizione alla Becca di Nona, “Le Pic de Onze Heures”. Carrel decise quindi di chiamarlo Émilius proprio in onore della giovane ragazza. Una storia che merita di essere conosciuta e raccontata, e che ha portato all’ideazione della courte pièce théâtrale “Emilie Argentier, entre histoire et fantaisie” da parte dell’Associazione “Amis du Cimetière du Bourg”, già presentata in occasione delle Journées de la Francophonie 2023. La pièce in francese verrà riproposta domenica 16 luglio alle 18 presso il Cimitero di Sant’Orso di via Guido Rey ad Aosta, dove Émilie Argentier è sepolta, proprio all’indomani della prima edizione del vertical K3000 “Émilius 3559”.

Émilie Argentier volantino
Émilie Argentier volantino

Si tratta di un evento che abbiamo organizzato in collaborazione con il Comune di Charvensod nell’ambito del protocollo d’intesa siglato nel 2022 – dichiara Clotilde Forcellati, Assessora alle politiche sociali, abitative e alle pari opportunità del Comune di Aosta. Con questo evento, che si svolge in concomitanza con la gara, vogliamo ricordare la prima scalatrice donna a raggiungere la cima dell’Émilius e che, visti i tempi in cui non si poteva dare un nome femminile alla montagna, non ha potuto vedere riconosciuta pienamente la sua impresa”.

In un mondo, quello dell’alpinismo, in passato fortemente declinato al maschile, l’impresa di una giovanissima Émilie Argentier di quasi 200 anni fa getta nuova luce sulla storia di questa disciplina e su quella che è la “nostra” montagna– commenta l’Assessora alle Politiche Sociali, Istruzione e Salute del Comune di Charvensod, Francesca LucianazPer questo ci fa molto piacere far conoscere la sua storia, ed in particolare farlo proprio il giorno dopo la prima edizione della nostra gara Emilius 3559”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

Il periodo di verifica reCAPTCHA è scaduto. Ricaricare la pagina.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte