“Alle mie figlie” Palinodie alla Saison Culturelle

“Alle mie figlie. Avere come mamma Bocca di Rosa” è il titolo dello spettacolo di Palinodie che debutterà nelle serate di martedì 7 e mercoledì 8 dicembre al teatro Splendor alle 20.30.
Alle mie figlie Palinodie

La compagnia teatrale valdostana Palinodie andrà in scena sul palco della Saison Culturelle, questo martedì 7 e mercoledì 8 dicembre presso il Teatro Splendor alle 20.30, con lo spettacolo “Alle mie figlie. Avere come mamma Bocca di Rosa” per cui ha ricevuto il premio Siae 2019 – Per Chi Crea. Si tratta del debutto, dopo un’anteprima a Manfredonia lo scorso 30 novembre, di un’opera dalla lunga gestazione, che, a causa del covid, è stato posticipato per due anni.

Come si evince dal titolo, l’opera fa riferimento a “Bocca di Rosa” il grande classico deandreiano, il racconto di una donna allegoria e/o rappresentazione della femminilità vista attraverso lo sguardo critico di una società patriarcale. Lo spettacolo racconta la storia delle sue ipotetiche figlie, in una riflessione su paura, musica, sesso, politica, rivendicazioni e pacificazioni. Nel tempo di una notte che sembra dilatarsi all’infinito, tra realtà e ricordo, il tempo dell’immaginazione e quello della strada buia su cui le protagoniste sono bloccate.

Locandina Alle mie figlie Palinodie
Locandina Alle mie figlie Palinodie

“Alle mie figlie” di Palinodie è frutto di una collaborazione tra artisti valdostani e internazionali che vede sul palco le attrici Elisa Armellino, Valentina Celentano, Eleonora Cicconi e Fabio Porliod, da poco rientrato dalla presentazione della sua nuova collezione alla Semaine de la mode di Parigi, a firmare i costumi. Anche il disegno luci è frutto di un nuovo incontro artistico ed è ideato da Tea Primiterra. L’opera è stata scritta dalla drammaturga Verdiana Vono, con la regia di Stefania Tagliaferri. Un road trip: nella notte che dura lo spettacolo, le protagoniste sono in viaggio, ma ogni viaggio è uno scavo nella propria interiorità. Un’alleanza: non siamo su fronti opposti. Cerchiamoci nelle cose che non sappiamo. Una riappropriazione: il mondo è di chi lo narra. Per non essere più storie dette da qualcun altro, nasce questo lavoro” .

I biglietti si possono acquistare presso il punto vendita al MAR (Museo Archeologico Regionale) di Aosta, oppure sul sito della Regione. Per accedere al teatro Splendor è necessario essere muniti di Green Pass e portare una mascherina chirurgica per assistere allo spettacolo. Per informazioni potete contattare il museo al numero di telefono 0165 32778, oppure all’indirizzo e-mail saison@regione.vda.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.