“Alle mie figlie” Palinodie alla Saison Culturelle

“Alle mie figlie. Avere come mamma Bocca di Rosa” è il titolo dello spettacolo di Palinodie che debutterà nelle serate di martedì 7 e mercoledì 8 dicembre al teatro Splendor alle 20.30.
Alle mie figlie Palinodie

La compagnia teatrale valdostana Palinodie andrà in scena sul palco della Saison Culturelle, questo martedì 7 e mercoledì 8 dicembre presso il Teatro Splendor alle 20.30, con lo spettacolo “Alle mie figlie. Avere come mamma Bocca di Rosa” per cui ha ricevuto il premio Siae 2019 – Per Chi Crea. Si tratta del debutto, dopo un’anteprima a Manfredonia lo scorso 30 novembre, di un’opera dalla lunga gestazione, che, a causa del covid, è stato posticipato per due anni.

Come si evince dal titolo, l’opera fa riferimento a “Bocca di Rosa” il grande classico deandreiano, il racconto di una donna allegoria e/o rappresentazione della femminilità vista attraverso lo sguardo critico di una società patriarcale. Lo spettacolo racconta la storia delle sue ipotetiche figlie, in una riflessione su paura, musica, sesso, politica, rivendicazioni e pacificazioni. Nel tempo di una notte che sembra dilatarsi all’infinito, tra realtà e ricordo, il tempo dell’immaginazione e quello della strada buia su cui le protagoniste sono bloccate.

Locandina Alle mie figlie Palinodie
Locandina Alle mie figlie Palinodie

“Alle mie figlie” di Palinodie è frutto di una collaborazione tra artisti valdostani e internazionali che vede sul palco le attrici Elisa Armellino, Valentina Celentano, Eleonora Cicconi e Fabio Porliod, da poco rientrato dalla presentazione della sua nuova collezione alla Semaine de la mode di Parigi, a firmare i costumi. Anche il disegno luci è frutto di un nuovo incontro artistico ed è ideato da Tea Primiterra. L’opera è stata scritta dalla drammaturga Verdiana Vono, con la regia di Stefania Tagliaferri. Un road trip: nella notte che dura lo spettacolo, le protagoniste sono in viaggio, ma ogni viaggio è uno scavo nella propria interiorità. Un’alleanza: non siamo su fronti opposti. Cerchiamoci nelle cose che non sappiamo. Una riappropriazione: il mondo è di chi lo narra. Per non essere più storie dette da qualcun altro, nasce questo lavoro” .

I biglietti si possono acquistare presso il punto vendita al MAR (Museo Archeologico Regionale) di Aosta, oppure sul sito della Regione. Per accedere al teatro Splendor è necessario essere muniti di Green Pass e portare una mascherina chirurgica per assistere allo spettacolo. Per informazioni potete contattare il museo al numero di telefono 0165 32778, oppure all’indirizzo e-mail saison@regione.vda.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte