All’Osservatorio astronomico si celebrano i 50 anni da “Gli ultimi uomini sulla Luna”

L’evento, proposto online della Fondazione Clément Fillietroz-onlus – che gestisce l’Osservatorio Astronomico regionale –, è dedicato alla missione Apollo 17 che si svolse tra il 7 e il 19 dicembre 1972. L'appuntamento è per venerdì 2 dicembre a partire dalle 21.
Apollo 17 first test of the lunar rover AS HR - Foto NASA

Si chiama “Gli ultimi uomini sulla Luna”, l’evento conclusivo che la Fondazione Clément Fillietroz-onlus – che gestisce l’Osservatorio Astronomico regionale –, ha organizzato per festeggiare il cinquantesimo anniversario delle missioni spaziali del programma Apollo della Nasa, che tra il 1969 e il 1972 ha permesso all’umanità di sbarcare sulla Luna in sei occasioni.

L’evento speciale, proposto online, è dedicato alla missione Apollo 17, che si svolse tra il 7 e il 19 dicembre 1972. Il comandante Eugene Cernan e il pilota del modulo lunare Harrison Schmitt – geologo e unico scienziato tra tutti gli astronauti delle missioni Apollo –, scesi sulla Luna con il LEM Challenger, esplorarono una regione chiamata valle Taurus-Littrow. Mentre orbitava attorno al nostro satellite, l’astronauta Ron Evans, pilota del modulo di comando America, realizzò diversi esperimenti scientifici, eseguendo poi una passeggiata nello spazio profondo sulla via del ritorno sulla Terra.

Paolo Attivissimo, profondo conoscitore del Programma Apollo, racconterà come si svolse la missione Apollo 17, detentrice di diversi record: il più lungo soggiorno sulla superficie del nostro satellite, la maggiore durata complessiva delle attività extraveicolari e della permanenza in orbita lunare, la più alta quantità di campioni di roccia raccolti ma, soprattutto, l’ultima volta che gli esseri umani hanno camminato sulla Luna, almeno fino ad ora.

Interverranno anche Dario Kubler, presidente di Asimof-Associazione italiana modelli fedeli, e Alberto Villa, presidente di Aaav-Associazione astrofili Alta Valdera.

L’appuntamento, moderato dalla ricercatrice Katia Berlingeri, è trasmesso in diretta sulla pagina Facebook e sul canale YouTube dell’Osservatorio Astronomico, con accesso libero e gratuito venerdì 2 dicembre a partire dalle 21. Chiunque potrà porre domande e partecipare alla discussione attraverso i commenti e la chat dal vivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte