La rassegna Dialoghi di scuola propone l’incontro “Generazioni Fragili”

Una riflessione sui rapporti intergenerazionali con Federico Marchetti Dirigente scolastico I.S. Eugenia Martinet, Alessandro Fusaro, Psicologo e Psicoterapeuta e Marina Pavarini, Docente e referente inclusione. L’appuntamento è giovedì 22 febbraio alle 20.30 presso la sala conferenze della biblioteca di Sarre. 
Biblioteca di Sarre

Spesso si rimpiange la società di un tempo, in cui tutto sembrava funzionare meglio. È davvero così? Nel terzo incontro di Dialoghi di scuola, la rassegna a tema scolastico organizzata da Federico Marchetti e dalla Biblioteca di Sarre, con il supporto del Comune di Sarre, si parlerà di “Generazioni Fragili”, una riflessione tra rapporti generazionali, comunicazione e molto altro con Federico Marchetti Dirigente scolastico I.S. Eugenia Martinet  Alessandro Fusaro, Psicologo e Psicoterapeuta e Marina Pavarini, Docente e referente inclusione. L’appuntamento è giovedì 22 febbraio alle 20.30 presso la sala conferenze della biblioteca di Sarre.

La società di oggi è molto diversa rispetto al passato e questo comporta una sfida importante in capo tanto alle famiglie quanto alla scuola. Il dibattito sul tema dei rapporti intergenerazionali si concentra molto, forse troppo, sulle fragilità dei giovani, sulle loro ansie, sulle loro paure, sulla loro emotività labile. Si parla poco invece della fragilità degli adulti, genitori, insegnanti, educatori, che quotidianamente devono affrontare sfide complesse in un mondo iperconnesso e competitivo che evolve sempre più velocemente.

Dialoghi di scuola "Generazioni Fragili"
Dialoghi di scuola “Generazioni Fragili”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte