“Non uno di più (perché la violenza sulle donne è un problema degli uomini)”

Appuntamento questo pomeriggio, giovedì 25 novembre, a Palazzo Regionale per un convegno in occasione della giornata nazionale contro la violenza sulle donne dal titolo “Non una di più (perché la violenza sulle donne è un problema degli uomini)”.
Schermata alle

Non uno di più (perché la violenza sulle donne è un problema degli uomini)” è il titolo del convegno organizzato dal Consiglio regionale della Valle d’Aosta in collaborazione con il Centro donne contro la violenza in occasione della Giornata nazionale contro la violenza sulle donne. Si svolgerà oggi pomeriggio, alle 18 nella Sala Maria Ida Viglino di Palazzo Regionale.

Sono previsti alcuni interventi istituzionali, ma anche contributi artistici sotto forma di lettura di brani a cura di Verdiana Vono, Giulia Sartore e Francesca Zanin della compagnia teatrale Palinodie di Aosta. Parteciperà anche la scrittrice e blogger femminista Roberta Marasco. L’incontro sarà introdotto dal Presidente del Consiglio Valle, Alberto Bertin. Moderato da Anna Ventriglia, Presidente del Centro Donne contro la violenza, e da Romaine Pernettaz, volontaria del Centro e libraia attivista.

Il convegno vuole rappresentare un momento di riflessione e di scambio sulla condizione della donna nella società, per avviare un dibattito sulla discriminazione e le violenze di genere che coinvolga anche gli uomini. La retorica della violenza di genere, infatti, si concentra soprattutto sul punto di vista della vittima (nella maggior parte dei casi una donna appunto), per dare voce alla sua esperienza. Tuttavia, soprattutto in un’ottica di prevenzione di tali abusi, diventa fondamentale andare ad agire su chi le perpetra, cercando di sradicare il paradigma culturale patriarcale che alimenta il ciclo di discriminazione e violenza, da qui nascono il titolo e lo spirito del convegno . Per la partecipazione, fino a esaurimento posti, è richiesta l’esibizione del green pass ai sensi della normativa vigente in materia di salute pubblica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.