“Visioni sospese”, cineforum tra Russia e Ucraina

Sabato 16 aprile, a partire dalle 15 fino a sera, alla Cittadella dei Giovani saranno proiettati cortometraggi e film d'autore russi e ucraini, per lasciar parlare l'arte. “Visioni sospese. Racconti e testimonianze tra Russia e Ucraina” prevede anche alcuni momenti di dibattito e approfondimento.
Il Cineforum Movi-Menti in Cittadella

Per costruire la pace sono necessarie anche la profondità e la bellezza delle arti, indipendentemente dalla bandiera sotto la quale sono nate. Per raccontare il punto di vista di due popoli attraverso l’arte, in questo caso il cinema, la Cittadella dei Giovani, l’associazione AIACE VDA, L’Ennesima Associazione sul Cinema, APA VdA e SOLAL, in collaborazione con Framedivision, presentano il cineforumVisioni sospese. Racconti e testimonianze tra Russia e Ucraina”, un momento per parlare del presente, cambiando prospettiva.

Sabato 16 aprile, a partire dalle 15 avranno inizio le proiezioni, che saranno intermezzate da momenti di dibattito. Si comincia con 70 minuti di cortometraggi russi live action e di animazione adatti a tutti, selezionati di AIACE VDA. Alle 18 verrà proiettato un lungometraggio russo d’autore, a cui seguirà un dibattito con il critico cinematografico Luciano Barisone. Il terzo e ultimo slot di “Visioni sospese”, a cura di Alexine Dayné, presidente dell’associazione Framedivision, alle ore 21 vedrà la proiezione del lungometraggio “Atlantis” del 2019 diretto dal regista ucraino Valentyn Vasyanovych.

 

Locandina Visioni sospese
Locandina Visioni sospese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.