Riqualificazione discarica Pompiod, la soddisfazione di Aymavilles e Jovençan

Saranno creati due gruppi di lavoro che dovranno verificare la fattibilità di un’iniziativa pubblica finalizzata alla riqualificazione delle aree.
Scavo per la discarica Chalamy a Issogne
Ambiente

Dai comuni di Aymavilles e Jovençan arriva soddisfazione per la delibera della Giunta regionale, “che individua un percorso teso a valutare la il recupero dell’area su cui insiste la discarica di Pompiod”.

“L’avvio di un’iniziativa di riqualificazione dell’area sotto una regia pubblica era infatti stato auspicato dalle Amministrazioni locali in più occasioni.  – ricordano le due amministrazioni – L’area su cui insiste la discarica è di particolare pregio dal punto di vista naturalistico e paesaggistico, con la presenza di vigneti e terreni agricoli, oltre che sotto l’aspetto storico-culturale, vista la vicinanza con il Castello di Aymavilles recentemente riaperto e con altri siti di interesse (quali il percorso di valorizzazione
del Ru Arberioz e le Cave di Pompiod). È quindi assolutamente necessario avere uno sguardo d’insieme su tutta l’area, anche attraverso il confronto e la condivisione con tutti i soggetti interessati, al fine di poter ipotizzare e valutare proposte e soluzioni”.

Discariche Pompiod e Chalamy, si pensa ora alla riqualificazione

Saranno due distinti gruppi di lavoro, composti da rappresentati delle strutture regionali, dei Comuni, del Celva e dell’Arpa, ad occuparsi di studiare una nuova vita per le aree delle discariche di Pompiod e Chalamy.

La Giunta regionale ha approvato oggi due deliberazioni che vanno nella direzione di sviluppare un percorso per verificare la fattibilità di un’iniziativa pubblica finalizzata alla riqualificazione delle aree.

Per Chalamy, nella prospettiva di lungo termine proposta dal Comune di Issogne di valorizzare l’area che ricomprende il sito di discarica attraverso una possibile fruizione pubblica a fini turistici e culturali, la delibera approvata dall’esecutivo stabilisce che entro tre mesi verrà completato il percorso di valutazioni congiunte tra gli enti e la proprietà per gli assetti futuri.

Per Pompiod, si intende avviare una valutazione della fattibilità, da completarsi entro cinque mesi, della proposta avanzata dai Comuni di Aymavilles e Jovençan di sviluppare un’iniziativa a regia pubblica di riqualificazione per un utilizzo pubblico dell’area, in chiave di sviluppo sociale, culturale e turistico, valorizzando i punti di interesse esistenti (castello, miniere, ru…) e nel rispetto delle produzioni agricole circostanti.

“Si tratta di due atti importanti, che finalmente trovano una direzione condivisa da far seguire ai dossier delicati e complessi riguardanti i due siti di Pompiod e Chalamy. La decisione di oggi – spiega il Presidente della Regione Erik Lavevaz, assessore ad interim all’ambiente – è frutto di un intenso confronto con le amministrazioni locali e anche con le proprietà delle due discariche. Crediamo che le analisi di fattibilità relative alla riqualificazione dei siti possano costituire anche un tassello importante nell’ambito della più ampia riorganizzazione del sistema dello smaltimento dei rifiuti inerti, incentrato sulle discariche comunali, che coinvolge tutti gli enti locali valdostani e che deve riuscire a coniugare le esigenze delle attività del territorio e la sostenibilità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Ambiente

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte