L’emergenza idrica tra problematiche estive e progettazione futura

Il Bim ha attualmente in programma di stanziare, nel prossimo triennio, circa 40 milioni di euro per l’attuazione di una ottantina di interventi volti ad arginare i disagi idrici di numerosi comuni valdostani.
Fontana Saint-Vincent. Foto: Alice Dufour
Ambiente

Nemmeno l’arrivo dell’agognato autunno ha saputo spegnere quella emergenza idrica che, durante tutta l’estate, ha costretto privati cittadini ed enti pubblici a dover fronteggiare livelli di scarsità di acqua mai così alti nella regione. Tra provvedimenti immediati e progettazione sul lungo termine, anche il Bacino imbrifero montano della Valle d’Aosta ha tentato e promette di tentare ancora di arginare i disagi riscontrati da parte di numerosi comuni valdostani.

Le problematiche estive

A dover subire le pressioni maggiori a causa della carenza estiva di risorse sono stati prettamente i paesi nella zona della bassa Valle, con maggiori ripercussioni registrate tra Quart, Saint-Denis, Émarèse e Fontainemore.

“Si tratta sostanzialmente di territori già di per sé fisiologicamente privi di alte vette e di ghiacciai a monte nonché siti sul più soleggiato e meno piovoso versante dell’Adret – spiega il presidente del consorzio, Joel Creton -. Per tali comuni la situazione che già negli anni passati obbligava a una funzionale chiusura dei fontanili nonché a un preventivo razionamento dell’acqua non ha potuto che peggiorare a causa delle elevate temperature e delle scarse precipitazioni dei mesi scorsi”.

Le preoccupazioni invernali

A destare timore, dopo la calura dell’estate, sono in modo particolare le temperature anomale e l’assenza di piovosità che connotano questo autunno climaticamente peculiare.

“Ovviamente il rischio concreto è quello di assistere a un peggioramento in inverno, soprattutto qualora tali condizioni meteorologiche fuori dal comune dovessero perdurare – commenta ancora Creton -. Fortunatamente, la situazione è ancora sotto controllo poiché conosciamo bene tali problemi e sappiamo con quali armi affrontarli”.

Provvedimenti e interventi

Dopo lo stanziamento regionale di 4 milioni di euro del luglio scorso, il Bim ha tuttora in programma di svolgere, nel prossimo triennio, circa una ottantina di interventi per un totale di fondi che tocca i 40 milioni di euro.

Tra le misure più pressanti per la prevenzione e la risoluzione di futuri problemi idrici figurano, secondo quanto riportato dal “Piano degli interventi urgenti” del consorzio, estensioni o completamenti delle reti di adduzione intercomunali e delle interconnessioni tra reti comunali, la manutenzione e la salvaguardia di pozzi e sorgenti nonché di serbatoi con annesso aumento della loro capacità idraulica, ampliamenti e miglioramenti degli impianti di distribuzione, sistemazioni idrogeologiche volte alla protezione delle opere acquedottistiche e sostituzioni delle fonti di approvvigionamento interessate da eventi ricorrenti di contaminazione. Non mancano poi, accanto a quelle concernenti il sistema fognario regionale e a quelle riguardanti invece potabilizzazione e disinfezione dell’acqua, adeguamenti tecnologici per la gestione informatizzata di vasche, contatori, depuratori, acquedotti e fognature.

“Soltanto questa settimana il Bim ha previsto di predisporre ulteriori fondi per circa 5 milioni in progetti a sé stanti dedicati a vari comuni in difficoltà – illustra Creton -. Mentre ad Arnad puntiamo a risolvere un disagio storico grazie alla risistemazione dell’acquedotto e a Oyace interverremo invece sul sistema fognario, tra La Salle e Saint-Christophe abbiamo in campo progetti di minore dimensione ma di eguale rilevanza”.

Auspici e attese futuri

Sperando nella pioggia oltre che in una stagione invernale possibilmente normalizzata quanto a elevata quantità di neve e bassi livelli di freddo, Creton assicura, in quanto Bim, di “aver fatto tutto ciò che si poteva, intervenendo nell’immediato sui lavori più urgenti e avviando un monitoraggio della situazione di ciascun territorio coinvolto” e sostiene che “dopo aver investito denaro e impegno, non possiamo che lasciare il timone alle amministrazioni locali perché facciano la loro parte”.

Una risposta

  1. iniziassero a mettere i rubinetti alle nostre fontane… altro che 40 milioni! poche migliaia di € e avremmo già tanto spreco in meno.
    lo notai a 4 anni quando arrivai in valle: mi faceva strano vedere queste fontane sempre aperte, per me che arrivavo da una realtà dove si era già sensibili (nel 1977) allo sperpero idrico…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Ambiente

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte