Cronaca di Silvia Savoye |

Ultima modifica: 29 Settembre 2016 13:06

Acquedotto, proseguono i disagi in corso Lancieri. “Paghiamo le tasse ma non abbiamo il servizio”

Aosta - A intervenire sulla questione sono nel frattempo i consiglieri comunali Patrizia Pradelli del M5S e Loris Sartore di Alpe che hanno chiesto una convocazione straordinaria della seconda commissione consiliare, per discutere di quanto accaduto.

Corso Lancieri Aosta

Proseguono i disagi legati alle perdite dell'acquedotto in Corso Lancieri ad Aosta. Ieri la via è rimasta senza acqua dalle 8.30 alle 11.30 e anche questa mattina l'intervento in corso di riparazione della perdita ha portato all'interruzione dell'erogazione in alcune zone. I commercianti sono esasperati da una situazione che dicono va avanti da oltre sei anni. Nella via hanno sede diversi bar, una lavanderia, un pastificio e un negozio di parrucchieri. "All'inizio tenevamo chiuso il negozio" racconta Simona Crea di Andrea Studio "Poi ci siamo organizzati con taniche e bacinelle ma essendo avvisati anche un giorno per l'altro non possiamo prendere più di tanto lavoro se non far fronte agli appuntamenti presi". 

Parla di "situazione vergognosa" Maria Antonietta Giglio, titolare del Bar Lancieri: "Noi le tasse le paghiamo, non aver l'acqua è una grossa perdita".

 

A intervenire sulla questione sono nel frattempo i consiglieri comunali Patrizia Pradelli del Movimento 5 Stelle e Loris Sartore di Alpe che hanno chiesto una convocazione straordinaria della seconda commissione consiliare, per discutere di quanto accaduto in Corso Lancieri a seguito della rottura dei tubi dell’acquedotto comunale.

I due consiglieri "auspicano un proficuo confronto con l'assessore Donzel e con i commissari di maggioranza, al fine di ottenere spiegazioni e comprendere come si intenda procedere per risolvere il problema. La fuoriuscita d’acqua e la mancata riparazione dei tubi, infatti, hanno causato gravi danni alle attività commerciali, costringendo i commercianti a lavorare in condizioni di disagio, se non addirittura a chiudere temporaneamente la propria attività".

Pradelli e Sartore ricordano che "la politica è al servizio dei cittadini, i consiglieri sottolineano come il confronto  nella commissione competente  sia necessario e inevitabile per trovare una valida soluzione e per fornire risposte a quella parte di popolazione  aostana che, purtroppo, è stata colpita  economicamente da questo spiacevole evento".

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>