Galleria 

Ad Arnad è scoppiato un incendio nel centro produzione pasti Vivenda

Le fiamme sono divampate nella mattinata di oggi, domenica 2 gennaio. Il rogo ha avuto dimensioni importanti. Sul posto sono intervenute diverse squadre dei Vigili del fuoco. Nessun ferito, ma preparazione bloccata.
Cronaca

Un incendio è divampato nella mattinata di oggi, domenica 2 gennaio, nel Centro produzione alimenti della società Vivenda, ad Arnad. A quanto si apprende, il personale era intento nella preparazione dei pasti (l’azienda è aggiudicataria del servizio mensa per gli ospedali di Aosta), quando si è reso conto di fumo e fiamme e ha dato l’allarme. Sul posto sono state inviate diverse squadre dei Vigili del fuoco, e la situazione è stata riportata sotto controllo. Nessun ferito, né intossicati, ma il rogo ha presentato dimensioni importanti: varie aree del capannone sono state interessate dalle fiamme e la produzione dei pasti risulta ora bloccata. Intervenuti anche i Carabinieri della stazione di Verrès. Le cause dell’incendio sono in via di accertamento.

Usl: “garantiti i pasti di emergenza”

In una nota l’Usl, riguardo il rogo nello stabilimento che produce anche i pasti destinati all’ospedale regionale e ai servizi dell’Azienda, scrive: “A seguito dell’incendio occorso nella mattinata di oggi nel centro Vivenda di Arnad, verranno garantiti dal soggetto appaltatore pasti di emergenza nelle sedi ospedaliere, fino a data da destinarsi“.

Una risposta

  1. Sono in ospedale e posso solo mangiare brodo. ma qui arriva solo cibo alla rinfusa e tanti come me non possono mangiarlo (capisco l emergenza ma un po’ di brodo….) Comunque per me la cosa è gestita male e con superficialità. Cosa vuol dire verranno dati pasti di emergenza fino a data da destinarsi? Signori si parla di malati……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte