Cronaca di Christian Diémoz |

Ultima modifica: 15 Luglio 2020 11:10

Cadavere trovato in cantina, un 41enne a processo in dicembre

Aosta - Si tratta di Alberto Broglio, che vive nello stesso stabile in cui è avvenuto il ritrovamento del corpo del 48enne Emanuele Sella. Per gli inquirenti, avrebbe spruzzato del profumo per non far scoprire la salma.

Corpo senza vita ritrovato al Quartiere CogneCorpo senza vita ritrovato al Quartiere Cogne

Chiuse le indagini della Procura di Aosta, comparirà l’11 dicembre prossimo dinanzi al giudice monocratico del Tribunale il 41enne Alberto Broglio, di Aosta. L’uomo è accusato dal pm Carlo Introvigne dell’occultamento del cadavere del 48enne Emanuele Sella, ritrovato senza vita il 20 giugno 2019 in una cantina sfitta delle “Case Giacchetti” di Aosta, nel quartiere Cogne.

Secondo la ricostruzione inquirente (all’inchiesta avevano lavorato il Nucleo Operativo Radiomobile dei Carabinieri e la Squadra Mobile della Questura), l’imputato, che vive nello stesso stabile di via Lexert, era consapevole che l’uomo si fosse stabilito nelle cantine (verosimilmente Sella gli aveva chiesto ospitalità, in un periodo difficile, ma non aveva potuto accoglierlo in casa) e, una volta realizzata la sua morte, si è preoccupato di dissimulare la presenza del cadavere, nella volontà di evitare ripercussioni.

A quanto accertato, dopo aver cercato l’aiuto di altre persone per spostare altrove la salma (senza venire tuttavia considerato), Broglio si sarebbe speso nello spruzzare del profumo sul corpo senza vita. Un tentativo comunque vano, perché fu proprio l’olezzo, amplificato anche dal caldo del periodo, a far dare l’allarme ai condomini. Dall’autopsia era emerso che Sella fosse morto una ventina di giorni prima del ritrovamento nel seminterrato.

L’esame tossicologico, restituendo come causa della morte un’intossicazione derivante anche dall’assunzione di alcool, non aveva fornito agli inquirenti elementi utili a contestare responsabilità nel decesso ad altre persone. Sella era di origini biellesi e viveva in un comune della “plaine”. Era stata la ex moglie a denunciare la sua scomparsa. Per identificarlo, vista la decomposizione avanzata del cadavere, erano stati decisivi alcuni vestiti.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>