Calano i reati in Valle d’Aosta. Meno furti nelle abitazioni.

I dati sono emersi in occasione della riunione del COSP. Tra il 1° maggio 2007 ed il 30 aprile 2008 sono stati rilevati 260 reati legati a stupefacenti, 14 rapine, 1 omicidio, 6 reati sessuali e 5 reati legati alla prostituzione.
La riunone del COSP
Cronaca
Nel confronto tra i reati registrati nel 2006/2007 e quelli registrati nel 2007/2008 si assiste ad un calo del 4% passando da 6224 a 6004. E’ quanto emerso in occasione nella riunione del Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica (COSP) l’organismo che si occupa di analizzare e monitorare la situazione sulla sicurezza nella nostra regione. La percentuale cala ulteriormente analizzando i dati sul comune di Aosta che registra una flessione del 8% passando da 2081 a 1919.
In particolare tra il 1° maggio 2007 ed il 30 aprile 2008 in Valle d’Aosta sono stati rilevati 260 reati legati agli stupefacenti, 14 rapine, 1 omicidio, 6 reati sessuali e 5 reati legati alla prostituzione.

Dai dati si emersi si evince in particolare che rispetto ai furti, in un raffronto tra il 2006/2007 e il 2007/2008, questi registrano un calo del 4,5% (da 1136 a 1085), e soprattutto quelli connessi ai furti nelle abitazioni con un rilevante calo del 13% (da 510 a 444). Nella città di Aosta il numero dei furti è passato da 900 a 691 con un calo del 24%, mentre quelli nelle abitazioni sono passati da 125 a 93 con un calo del 34%

In materia di immigrazione le espulsioni sono state 205 (contro le 323 del periodo 2006/2007), gli accompagnamenti alla frontiera o presso i centri di permanenza sono stati 48, mentre gli stranieri respinti alla frontiera sono stati 136 (contro i 174 del periodo 2006/2007).

Nel periodo compreso tra il 1° maggio 2007 e il 30 aprile 2008, in materia di contravvenzioni al codice della strada, le rilevazioni di reato sono state 22470 e le patenti ritirate 666. I controlli hanno interessato 79480 veicoli e 100800 persone.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte