Cronaca di Christian Diémoz |

Ultima modifica: 19 Aprile 2021 14:30

Donna trovata morta ad Aosta, si indaga per omicidio

Aosta - Raluca Elena Serban, 32enne di origini romene, è stata trovata in un alloggio di viale dei Partigiani, ad Aosta, con una profonda ferita alla gola. Viveva da sola. E' stata la sorella a dare l’allarme. Non ritrovata l’arma del delitto.

Donna trovata morta - sopralluogo della poliziaDonna trovata morta - sopralluogo della polizia

L’ultima volta è stata vista ieri mattina. Dopodiché, il sipario è calato sulla vita di Raluca Elena Serban, la 32enne di origini romene trovata priva di vita nella prima mattinata di oggi, domenica 18 aprile, in un alloggio di viale dei Partigiani, ad Aosta. Il fotogramma successivo è quello che si sono trovati davanti i Vigili del fuoco, una volta entrati nell’alloggio al primo piano da una finestra (la porta era chiusa, anche se non a chiave): la donna era riversa in bagno, ormai priva di vita, con una profonda ferita alla gola.

Un taglio solo, netto. L’unico che la vittima ha sul corpo, verosimilmente inferto con un coltello, ma l’arma del delitto per ora manca all’appello. Pochi i dubbi sul fatto che si tratti di un omicidio, ipotesi sulla quale la Squadra Mobile della Questura del capoluogo regionale lavora praticamente da subito, da quando la Volante ha comunicato l’esito dell’intervento di “apertura porta”. La morte, dai primi rilievi, risale probabilmente a ieri, sabato 17, in un arco temporale che va dal tardo pomeriggio all’inizio della serata.

Gli investigatori diretti dal Commissario capo Francesco Filograno hanno sentito i vicini: nessuno ha udito rumori sospetti, né urla. All’interno dell’alloggio, che Elena aveva affittato circa tre settimane fa, c’era del disordine, ma non segni di colluttazione (né di effrazione). La donna risulta ancora residente a Lucca, dove vive anche la sorella Alexsandra. E’ stata proprio lei, insospettita dal non riuscire a parlarle da ieri, prima a precipitarsi ad Aosta, poi a rivolgersi alle forze dell’ordine, conducendo al tragico ritrovamento.

Sul posto, oltre al medico legale ed alla Polizia scientifica (impegnata in un lungo sopralluogo, che ha visto il prelievo di numerosi reperti e le prime analisi sulle tracce ematiche presenti), sono giunti, a più riprese, il procuratore capo Paolo Fortuna e i sostituti Luca Ceccanti e Manlio D’Ambrosi. Massimo riserbo, com’è ovvio, sulle indagini, che non escludono, al momento, nessuna pista. La 32enne risultava vivere da sola, non aveva figli e non ci sarebbero stati – dai primi riscontri – legami sentimentali stabili nella sua vita.

La sorella ha riferito agli inquirenti che Elena, sostanzialmente sconosciuta alle forze dell’ordine (non aveva precedenti), non le aveva raccontato di problemi con qualcuno. La Polizia ha sentito, tra l’altro, il proprietario dell’alloggio e l’amministratore condominiale. Sono altresì in via di verifica le immagini delle telecamere interne ed esterne del condominio e quelle pubbliche, nel perimetro di almeno un chilometro in tutte le direzioni dallo stabile, proprio sopra la rotonda di viale dei Partigiani. Le indagini proseguiranno a ritmo serrato, sino a capire chi sia entrato in casa e perché abbia spento la luce nella vita della vittima.

La polizia scientifica lascia il palazzo in cui è stato ritrovato il corpo della donna

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo