Ghiacciaio di Planpincieux, il Comitato Val Ferret: “Ponderare in futuro scenari allarmistici”

E' quanto chiede "a gran voce" il Comitato Val Ferret, sottolineando "la situazione di disagio e di ingenti danni che si è creata con l’allarmismo generato dalle dichiarazioni dell’imminenza del crollo di una porzione di 500.000 mc, cosa -fortunatamente- non avvenuta". 
radar ghiacciaio
Cronaca

“Ponderare meglio nel futuro scenari allarmistici, le cui ripercussioni impattano negativamente sull’intero territorio di Courmayeur e non solo”. E’ quanto chiede “a gran voce” il Comitato Val Ferret, sottolineando “la situazione di disagio e di ingenti danni che si è creata con l’allarmismo generato dalle dichiarazioni dell’imminenza del crollo di una porzione di 500.000 mc, cosa -fortunatamente- non avvenuta”.

Il Comitato ricorda come anche l’anno scorso “pareva dovesse portare al collasso di una porzione minore -circa 250.000 mc- poi anch’essa non avvenuta ma che ha tenuto in “scacco” la valle per tutto l’autunno. Tale massa, definita settori A e B, si è nel frattempo in gran parte sgretolata e annullata senza lasciare traccia sul fondovalle”.

“Il sistema monitoraggio e conseguente allertamento semaforico a valle, oltre alla realizzazione di una viabilità emergenziale, con impegno di ingentissime risorse pubbliche, tarato sul potenziale distacco dei settori A e B -oggi già disgregatisi-“, secondo il Comitato Val Ferret “non è servito. Tali opere sono risultate inadeguate di fronte al nuovo e diverso rischio paventato dell’imminente crollo dei citati 500.000 mc. Addirittura tali opere e manufatti risultano essere stati collocati nella zona rossa recentemente perimetrata”.

Attraverso i propri esperti glaciologi incaricati  – Professori Maggi e Orombelli-  il Comitato “sta valutando i documenti redatti dagli Enti preposti e a breve potrà formulare un proprio autorevole parere, sulla base del quale avviare un confronto costruttivo per definire una corretta e ponderata lettura dei dati e degli scenari conseguenti. Il tutto alla luce delle premesse che sempre campeggiano su ogni relazione ufficiale: Il fenomeno qui studiato è naturale, non è possibile prevederlo con certezza allo stato attuale delle nostre conoscenze! I danni e i disagi generati sono ad oggi invece ben noti e tristemente reali”.

0 risposte

  1. Faccio fatica a vedere la minaccia incombente del ghiacciaio Planpincieux. Vedo un ghiaccio tutto frantumato che diventa subito neve quando scarica. Ne vedo sempre meno.
    Un ghiaccio malato destinato a sparire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca
Cronaca