VIDEO Cronaca

Ultima modifica: 1 Ottobre 2019 16:38

Ghiacciaio di Planpincieux, la sezione instabile scivola a velocità costante

Aosta - Prosegue l'accelerazione della porzione "A", quella più in basso. La sezione "B", invece, con i 250mila m³ potenzialmente instabili continua il suo trend di velocità. A spiegarlo, nel bollettino quotidiano, Fabrizio Troilo, glaciologo di Fondazione Montagna Sicura.

La situazione del ghiacciaio di Planpincieux è “divisa sui vari settori. Il settore A, quello più basso che sta accelerando”  porta con sé “un piccolo volume di 25mila m³ circa, mentre il settore B che osserviamo con i 250mila m³ potenzialmente instabili continua il suo trend di velocità costante, come il settore C che rimane a velocità basse senza evidenziare nessuna accelerazione”.

A spiegarlo, nel quotidiano bollettino di informazione, è Fabrizio Troilo, glaciologo della Fondazione Montagna Sicura.

Nella serata di ieri, lunedì 30 settembre, si è verificato un crollo di stimati circa 5.000 metri cubi. “Tale accadimento  – spiega una nota – non muta le valutazioni finora fatte in termini di scenari di rischio”.

Prosegue intanto il lavoro di allineamento dei 2 sistemi di monitoraggio – quello fotografico del CNR-IRPI (Geohazard Monitoring Group) e del quello radar appena installato – operazione che dovrebbe produrre i risultati attesi nella giornata di domani.

Nei prossimi giorni è previsto un abbassamento delle temperature, come segnalato dal Centro funzionale regionale, che tuttavia non inciderà nell’immediato ad un rallentamento delle velocità.

 

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>