Quattro arresti al traforo del Bianco per immigrazione clandestina e documenti falsi

In manette sono finite tre persone originarie della Costa d’Avorio. Due trasportavano un minore straniero irregolare e il terzo aveva una carta d’identità contraffatta. Un albanese aveva invece passeggeri senza documenti.
Controlli al tunnel del Monte Bianco.
Cronaca

Week-end caratterizzato da tre arresti per la Polizia di frontiera in servizio al traforo del Monte Bianco. A finire in manette sono stati due ivoriani e un cittadino italiano, anch’egli originario della Costa d’Avoirio, nonché un albanese. Le accuse sono, a vario titolo, di immigrazione clandestina e di possesso di un documento falso.

I tre sono stati controllati dopo il respingimento da parte delle autorità francesi. Il cittadino italiano, 47enne, e la sua compagna ivoriana, 36enne, viaggiavano su una vettura assieme ad un minore straniero irregolare, a sua volta denunciato per aver dichiarato una falsa identità e affidato a una struttura per minori.

Il secondo cittadino ivoriano finito in manette, un 30enne che viaggiava insieme al suo gruppo, è stato arrestato per aver esibito agli agenti una carta d’identità italiana che, a seguito degli accertamenti, è risultata falsificata mediante contraffazione.

L’uomo albanese conduceva, invece, una BMW con targa italiana che è stata controllata nella mattinata di ieri, domenica 14 giugno. Passeggeri erano due connazionali, risultati privi di passaporto e dei titoli di viaggio idonei per attraversare la frontiera. Il conducente è stato quindi tratto in arresto per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e l’auto usata per il trasporto posta sotto sequestro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca
Cronaca

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte