Indagate due ditte piemontesi per gli scarti industriali del tir ribaltato a Quart a maggio

Il corpo forestale è risalito alla provenienza dei rifiuti contenuti sul tir che si era ribaltato a Quart. Provengono da due ditte piemontesi. Dei 1.200 sacchi di materiale da reciclare ritirati dalle due aziende ne mancherebbero all'appello ancora 300.
I rifiuti abbandonati
Cronaca
A maggio un autoarticolato carico di rifiuti industriali era stato trovato abbandonato a Villefranche di Quart, nei pressi della pista da motocross. Dopo un mese di indagini, il corpo forestale è risalito alla provenienza dei rifiuti, assoltutamente non pericolosi per la salute.

Gli scarti industriali, ritrovati nei 34 big bag provengono da due ditte, una del cuneese e l'altra delle provincia di Torino. Le due aziende, che si occupano di produzione di pastiglie per i freni e di materiali elettrici, avevano incaricato due ditte dell'hinterland torinese del trasporto e dello smaltimento dei rifiuti. Ma al posto di recuperare i rifiuti correttamente, sono stati abbandonati in Valle d'Aosta e nella zona del torinese. Infatti, vicino a Beinasco, il corpo forestale della Valle d'Aosta ha sequestrato circa 700 maxi sacchi di rifiuti industriali. Ora, sul registro degli indagati sono finiti i nomi dei titolari delle due ditte, incaricate del trasporto e del recupero dei rifiuti industriali.

Dagli accertamenti fatti risulta che avrebbero ritirato circa 1.200 maxi-sacchi di materiale da recupare, dai conteggi ne mancano ancora circa 200-300. Secondo gli agenti della forestale, anche i rifiuti abbandonati a novembre dello scorso anno, in località Teppe di Quart, sono riconducibili a quelli sequestrati nel torinese. Indagato, per trasporto non autorizzato di rifiuti per conto terzi, l'autotrasportatore aostano proprietario del mezzo ritrovato ribaltato a Villefranche. Ivano Maietti aveva dichiarato che il suo mezzo era stato rubato nella notte e che non sapeva cosa trasportasse. "Mi sono accorto del furto questa mattina verso le 6.10 – aveva spiegato Maietti – quando sono sceso per andare a lavorare. Sono andato subito a sporgere denuncia."

Il mezzo pesante è stato trovato ribaltato su un fianco con tutto il materiale versato sullo spiazzo nei pressi della Dora. "Il cassone – continua Maietti – era stato caricato di materiale da un mio conoscente che mi aveva chiesto in prestito il mezzo. Non so cosa contenesse di preciso. Forse i ladri hanno pensato ad un carico da riciclare o hanno voluto disfarsi del mezzo per poi rivenderlo".

Ora, la forestale valdostana ha informato dei fatti anche la Procura di Torino oltre al corpo forestale nazionale.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca
Cronaca