La discarica di Pompiod rimane sotto sequestro

Il Tribunale del Riesame ha respinto il ricorso contro il provvedimento che aveva fatto scattare i sigilli al sito, oltre a disporre alcune perquisizioni, depositato da due indagati iscritti nel fascicolo per gestione illecita del sito e inquinamento ambientale.
discarica pompiod sequestrata
Cronaca

La discarica di Pompiod resta sotto sequestro. Il Tribunale del Riesame ha respinto il ricorso contro il provvedimento che aveva fatto scattare i sigilli al sito nel comune di Aymavilles, oltre a disporre alcune perquisizioni, nell’ambito dell’indagine – coordinata dalla Procura ed affidata a Guardia di finanza e Corpo forestale della Valle d’Aosta – per gestione illecita e inquinamento ambientale.

L’istanza di dissequestro era stata depositata, tramite i difensori, da due dei quattro indagati iscritti nel fascicolo di cui è titolare il pm Eugenia Menichetti. Si tratta di Umberto Cucchetti, amministratore unico della società che gestisce la discarica, la “Ulisse 2007 Srl”, e di Fabrizio Zandonatti, legale rappresentante di un’azienda collegata a quella del gestore, la “Agrigarden Ambiente s.r.l.”.

Gli altri indagati sono l’ex gestore della discarica Silvio Cuneaz e il dirigente regionale responsabile del settore ambiente Ines Mancuso. Il sito, sequestrato dalla Procura a fini probatori (nell’ottica, cioè, di consentire l’accertamento delle prove del reato contestato), sarà oggetto dalle campionature del suolo e della caratterizzazione dei rifiuti, ad opera dell’ingegnere idraulico Claudio Mattalia, incaricato quale consulente dal pubblico ministero.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca
Cronaca
Cronaca