‘Ndrangheta, convalidato il sequestro dei beni di Giuseppe Nirta

Il Tribunale di Aosta, accogliendo la richiesta della Procura di Aosta, ha convalidato il sequestro dei beni immobili riconducibili a Giuseppe Nirta, il 60enne di Quart, in carcere a Bologna, dove sconta una condanna a 7 anni e 8 mesi per narcotraffico.
Giuseppe Nirta
Cronaca

Il Tribunale di Aosta, accogliendo la richiesta della Procura di Aosta, ha convalidato il sequestro dei beni immobili riconducibili a Giuseppe Nirta, il 60enne di Quart, in carcere a Bologna, dove sconta una condanna a 7 anni e 8 mesi per narcotraffico internazionale.

Sotto sequestro anche due conti in Svizzera – del valore di circa 933.000 franchi – mentre tornano a disposizione dei familiari quattro conti correnti (circa 20.000 euro). Nell’udienza del prossimo 5 febbraio sarà esaminata la provenienza di ciascun bene anche in base ai documenti presentati dalla difesa.

Tra i beni sequestrati ci sono 3 immobili a Quart (di cui un’abitazione in villaggio Champeille), un magazzino a Charvensod (si tratta di un magazzino), 2 conti correnti bancari e una fiat panda, intestati allo stesso Giuseppe Nirta, 4 terreni a Quart (di cui un vigneto), 3 immobili a Bovalino, in provincia di Reggio Calabria, 3 conti correnti bancari e una fiat 500, formalmente intestati alla moglie del Nirta, Francesca Mandarino. Inoltre sono stati sequestrati 2 magazzini ad Aosta, 7 immobili a Quart (di cui un’abitazione in villaggio Rovarey e due in villaggio La Balma), una polizza assicurativa, un deposito titoli e tre conti correnti bancari, quattro rapporti bancari e due conti correnti postali, tutti formalmente intestati ai figli di Giuseppe Nirta.

 

 

 

 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca
Cronaca

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte