Nel 2020 stop alle udienze per Covid, ma l’arretrato del Tribunale “non è incredibile”

Presentato, dal presidente Eugenio Gramola, il bilancio sociale per l’anno scorso: “il Tribunale è uscito sostanzialmente indenne” dal periodo pandemico acuto. Criticità permangono sugli organici amministrativi e dei magistrati al Giudice di pace.
Il presidente del Tribunale, Eugenio Gramola.
Cronaca

Il 2020? Il Tribunale di Aosta si è trovato ad affrontarlo in “condizioni che, l’anno prima, non avremmo mai immaginato potessero verificarsi”. Lo ha detto il presidente Eugenio Gramola, presentando ai giornalisti il Bilancio sociale di mandato dell’ufficio, che riassume l’attività negli scorsi dodici mesi, concludendo che “il Tribunale è uscito sostanzialmente indenne dal periodo” in cui il mondo è stato tramortito dal Covid-19, giacché “non si è accumulato arretrato incredibile e quello che è arrivato è stato smaltito entro l’anno”.

Considerando che l’esplodere della pandemia ha condotto al provvedimento del Governo di sospensione delle udienze per tre mesi, non si è comunque “stati fermi del tutto”. Gli “atti che arrivavano dagli Avvocati, o dalla Procura, sono stati gestiti”. Un dato che può apparire scontato, ma non va interpretato come tale, perché “altri tribunali hanno fatto scelte diverse”, fermandosi completamente, cosa di cui ad Aosta non c’è stato bisogno, grazie al personale, e “questo ha fatto sì che non si accumulasse arretrato gigantesco nei depositi”.

Guardando ai numeri dell’annata, le pendenze in campo civile sono aumentate del 5%, mentre in quello penale monocratico (settore che vede la maggior parte dei processi ogni anno), si registrano una 40ina di procedimenti da definire in più rispetto all’anno prima. Tuttavia, “non una tragedia”, anche perché lo sviluppo del “ritmo processuale” attraverso l’anno mostra un recupero sulla fase finale. Una lettura confortata dalle cifre sulla durata dei procedimenti: 127 giorni per il penale monocratico, che passano a 73 per il collegiale.

“Lo stesso ‘Geenna’ (sulle infiltrazioni di ‘ndrangheta in Valle, ndr.) – ha sottolineato Gramola – è stato fatto in meno di 4 mesi”. Per il rito civile ordinario si arriva a 413 giorni necessari per arrivare a sentenza, cioè un anno e mezzo circa, ma “bisogna pensare che 300 giorni vanno via in termini di legge”. Oltretutto, l’ufficio Gip/Gup (ove in passato erano emersi accumuli rilevanti) “è riuscito ad assorbire il suo arretrato e “i procedimenti in attesa di udienza sono fisiologici”. Quanto alle criticità registrate nel 2020, il Presidente del Tribunale ne ha indicate ai giornalisti due, individuate nalla durata delle cause di lavoro e nei tempi dei fascicoli che trovano definizione attraverso la “messa alla prova”.

Nel primo caso, si è arrivati a 149 procedimenti pendenti, ma “è stata una scelta precisa”. “Non potendo fare la comparizione delle parti”, nel periodo pandemico, quelle udienze sono state bloccate del tutto. “Buona parte dei casi – è stata la spiegazione del presidente Gramola – si chiudono infatti con una conciliazione, ma servono le persone lì. Non si può conciliare in videoconferenza”. Pertanto, in ragione di questo aspetto, il Tribunale ha preferito una completa sospensione, ma “il numero è in calo anche su questo fronte”.

Quanto ai processi in cui l’imputato sceglie la “messa alla prova” (una modalità di estinzione del reato che passa per un programma di lavori di utilità sociale), la durata è di oltre 800 giorni. Va però considerato che “7 mesi sono di ‘tempi morti’ e l’ufficio preposto è sotto organico”. “A me spiace, – è stato il commento del magistrato – perché” tale modalità “avrebbe valore rieducativo”, ma “capite che se facciamo fare i lavori socialmente utili a due anni dei fatti”, ad essere percepita è “una sorta di impunità”. Tuttavia, la situazione “così è”.

Altre criticità (di carattere, però, “storico”, guardando i bilanci sociali degli ultimi anni) attengono al “personale delle cancellerie in calo” e all’organico sofferente dei magistrati per l’ufficio del Giudice di pace, “ove siamo obbligati ad applicare gli onorari del Tribunale”. Problemi endemici, destinati a non trovare una soluzione in tempi brevi, ma in termini complessivi la “pandemia non ha avuto effetti devastanti sull’attività del Tribunale”. Parlando del 2020, anno che resterà nei libri di storia per gli effetti del virus nel mondo, è comprensibile che ciò in via Ollietti rappresenti motivo sufficiente di soddisfazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca
Cronaca

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte