Porretta resta vicecomandante dei Vigili del fuoco: respinto il ricorso dell’ispettore Giovinazzo

Il giudice del lavoro, Eugenio Gramola, ha pronunciato stamattina la sentenza. Il funzionario si era rivolto al Tribunale dopo che era stata giudicata illegittima la “retrocessione” a vicario di Salvatore Coriale, di cui era originariamente vice.
Alcuni mezzi dei Vigili del fuoco, schierati in occasione della cerimonia.
Cronaca

L’ispettore antincendi Fabio Giovinazzo non tornerà ad essere vicecomandante del Corpo regionale dei Vigili del fuoco. Lo ha stabilito oggi, giovedì 5 ottobre, il giudice del lavoro del Tribunale di Aosta, Eugenio Gramola, rigettando il ricorso con cui il funzionario chiedeva la rassegnazione all’incarico che aveva rivestito in passato, oltre ad una somma a titolo di risarcimento.

La causa di lavoro nei confronti dell’Amministrazione regionale, che nel giudizio era rappresentata e difesa dall’avvocato Paolo Tosi di Torino, era stata intentata da Giovinazzo, assistito dal legale Federico Mavilla, a seguito della definizione, lo scorso 23 giugno, del ricorso depositato da Salvatore Coriale, reintegrato al posto di comandante per tre anni proprio per effetto di quell’azione dinanzi al magistrato del lavoro.

In sostanza, nel periodo di Coriale a capo dei pompieri valdostani (ruolo assunto nel 2001, per effetto di un concorso), Giovinazzo era il suo vice. La Giunta regionale presieduta da Augusto Rollandin aveva però deciso di nominare, nel settembre 2015, il dirigente Pio Porretta quale nuovo comandante, con Coriale “retrocesso” a suo vicario

Visto giudicare illegittimo quel passaggio, anche attraverso un pronunciamento della Corte costituzionale rispetto all’articolo della legge regionale sulla base del quale l’Esecutivo aveva scelto il nuovo vertice del Corpo, l’ispettore Giovinazzo aveva chiamato in causa la Regione, sostenendo che pure la sua rimozione dal posto di vice non avrebbe potuto avere luogo.

Il Vicecomandante del Corpo regionale resta quindi Pio Porretta, già a capo della Protezione civile regionale, prima che la stessa venisse accorpata ai Vigili del fuoco, nel Dipartimento oggi coordinato da Silvano Meroi. Le motivazioni del rigetto del ricorso di Giovinazzo verranno depositate dal giudice entro 20 giorni.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca
Cronaca

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte