Cronaca di Christian Diémoz |

Ultima modifica: 12 Gennaio 2020 9:43

Rissa tra giovani ad Aosta, tre persone ferite

Aosta - In ospedale sono stati visitati un 17enne e due maggiorenni, con vari traumi. Alla base del tafferuglio pare esserci la richiesta di spiegazioni di un ragazzo ad altri coetanei, rispetto ad apprezzamenti rivolti alla sua compagna.

Accertamenti della Polizia sono in corso su una rissa avvenuta in via Garibaldi, ad Aosta, attorno alle 17 del pomeriggio di ieri, venerdì 10 gennaio, nella quale sono rimasti feriti tre giovani. I ragazzi – un 17enne e due maggiorenni, italiani – sono stati visitati in serata al Pronto soccorso del “Parini”, ove gli sono stati riscontrati traumi di vario genere, giudicati guaribili rispettivamente in venticinque, quindici e sette giorni.

Sul posto è intervenuta la Volante della Questura. Dai primi elementi disponibili, basati sulle testimonianze raccolte, uno dei giovani feriti si trovava all’interno della Cittadella dei giovani con la sua compagna, che gli avrebbe riferito di apprezzamenti ricevuti, nei giorni prima, da alcuni coetanei, di origini maghrebine, che erano poco distanti in quel momento.

Il giovane si è avvicinato loro per chiederne conto. È nato un acceso diverbio e sono intervenuti altri ragazzi e gli operatori della struttura, nell’intento di placare gli animi. Il gruppo, continuano i racconti dei presenti, si è quindi spostato all’esterno, lungo via Garibaldi, dove le scintille sono diventate fiamma e si è passati alle botte, come indicato anche alcune tracce di sangue visibili sul marciapiede.

Sentite incombere le sirene della Polizia, cui è intervenuto in supporto il Nucleo Operativo Radiomobile dei Carabinieri, il grosso dei giovani nella bagarre (i riscontri iniziali dicono di almeno altre sei persone) si è dato alla fuga e sul posto agenti e militari hanno trovato solo i tre feriti. Gli uffici investigativi della Questura sono ora al lavoro per l’identificazione degli altri coinvolti e per la ricostruzione esatta della dinamica.

Tag:

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>