VIDEO Cronaca

Ultima modifica: 9 Giugno 2020 17:38

Spaccio nel centro di Aosta, sette misure cautelari. Droga ceduta anche a minorenni

Aosta - Indagine Pusher Street della Guardia di Finanza. Documentate oltre 200 cessioni di droga, anche a minorenni. Agli arresti domiciliari sono finiti Sebastijan Ajrizov e Tarik Bouzerda. Per altri cinque è scattato il divieto di dimora nel Comune di Aosta.

Dalle droghe pesanti dell’operazione “FeuDora” alle droghe leggeri dell’indagine “Pusher Street”. Le Fiamme Gialle hanno inferto un nuovo colpo al mercato della droga locale. Su ordine del Tribunale di Aosta, nell’ambito delle indagini coordinate dalla Procura della Repubblica, sono state eseguite oggi da parte della Guardia di Finanza sette ordinanze di misura cautelare e a 15 perquisizioni fra Valle d’Aosta e Piemonte.

Nel mirino dei finanzieri sono finiti alcuni giovanissimi che, in zone centralissime di Aosta, si dedicavano “senza alcun pudore” alla vendita di droghe principalmente leggere, “spesso consumate sul posto, con indiscutibili riflessi sul decoro della città”. Agli arresti domiciliari sono finiti Sebastijan Ajrizov, italiano di origini serbe, Tarik Bouzerda cittadino del Marocco, secondo le Fiamme gialle i pushers con il maggior “giro d’affari”. E’ scattato invece il divieto di dimora nel Comune di Aosta per Roberto Recrosio, Michele Argiolu,  Nastaca Argirò ed altre due persone che, allo stato, non sono state ancora rintracciate.

Le indagini, partite dalle segnalazioni di alcuni cittadini e a seguito di diversi interventi svolti da pattuglie in servizio di controllo economico del territorio, hanno visto l’utilizzo di riprese video ed intercettazioni telefoniche.

Le attività, dirette dal Sostituto Procuratore Francesco Pizzato, hanno messo in luce come Piazza Narbonne, Piazza della Repubblica, Piazza Manzetti, i giardini pubblici di Via Ollietti “fossero diventate vere e proprie “piazze di spaccio” di hashish e marijuana (anche se alle volte non mancava la cocaina), consumate sul posto anche da frequentatori delle vicine scuole.”

I militari, in particolare, hanno documentato, grazie a intercettazioni, pedinamenti, appostamenti e riprese video, oltre 200 cessioni di droga, anche a minorenni.

In totale sono stati sequestrati circa 115 grammi di hashish, 4 grammi di cocaina e 3 di marijuana. Nel corso delle perquisizioni, svolte oggi anche in Canavese e con l’ausilio di 7 unità cinofile in forza alla Guardia di Finanza di Aosta, Torino e Caselle, sono stati sequestrati ancora 10 grammi di marijuana, 5 di hashish, 460 euro in contanti, ed altro materiale probatorio, fra cui 5 bilancini di precisione, 5 telefoni, 2 tablet ed un manoscritto con l’elenco dei crediti ancora da riscuotere.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Un commento su “Spaccio nel centro di Aosta, sette misure cautelari. Droga ceduta anche a minorenni”

Commenta questo articolo