Truffa un’anziana facendole credere di dover ancora pagare un’aspirapolvere, denunciato

Per truffa aggravata un 47enne di Ivrea è stato denunciato dai Carabinieri. Lo scorso 1° febbraio l'uomo, ex dipendente di una nota impresa che vende aspirapolveri porta a porta, telefonava all’anziana facendole credere di dovere ancora pagare 1.600 euro.
Cronaca

Nel febbraio scorso aveva fatto credere ad una 79enne di Issogne di avere con la società per la quale lavorava un tempo un debito di 1600 euro. Per truffa aggravata un 47enne di Ivrea, F.I. è stato denunciato dai Carabinieri di Verrès.

Lo scorso 1° febbraio l’uomo, ex dipendente di una nota impresa che vende aspirapolveri porta a porta, telefonava all’anziana donna facendole credere di dovere pagare ancora 1.600 euro per l’acquisto di un aspirapolvere effettuato nell’anno 2008. La donna rispondeva di avere già pagato l’elettrodomestico ma il truffatore continuava a sostenere che la società non aveva ricevuto il pagamento a causa di un disguido da parte del vettore e che se l’anziana non avesse ottemperato sarebbe potuta incorrere al pignoramento dei beni da parte del Tribunale.

Spaventata la donna provvedeva a prelevare dal suo libretto postale la somma che consegnava durante la stessa giornata nelle mani del truffatore.

Le indagini condotte dai carabinieri della Stazione Carabinieri di Verrès consentivano di accertare che il truffatore era stato in passato dipendente della ditta di elettrodomestici e che era stato poi licenziato. Per l’uomo è scattata quindi la denuncia, in stato di libertà, alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Aosta, in quanto responsabile di truffa aggravata in danno di persona anziana.

 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca
Cronaca